Stando alle informazioni reperibili in Internet sul sito ufficiale della band, i R.E.M. hanno deciso di sciogliere il gruppo: i componenti del complesso rock, nato nel 1980, hanno deciso di chiudere in bellezza la carriera lasciando ancora vivo il suono delle loro canzoni per i fan.

Il cantante Michael Stipe, ha spiegato la situazione insieme ai suoi ex-compagni di avventura tramite un comunicato stampa pubblicato in Rete:

Galleria di immagini: R.E.M.

“Ai nostri fan e ai nostri amici. Come amici di una vita e co-cospiratori, abbiamo deciso di smettere di essere una band. Ce ne andiamo con grande senso di gratitudine, di compiutezza, e di stupore per tutto ciò che abbiamo realizzato. A chiunque sia mai stato toccato dalla nostra musica va il nostro più profondo ringraziamento per averci ascoltato.”

La band fu fondata da Stipe con il chitarrista Peter Buck, il bassista Mike Mills e Bill Berry alla batteria. Il primo nome dato al gruppo fu Twisted Kites, cambiato pochi mesi dopo in R.E.M., che letteralmente è l’acronimo di Rapid Eye Movement, la fase del riposo in cui l’essere umano sogna.

Solo nel 1998, dopo tanti successi, il batterista prese una strada diversa dal resto del gruppo: all’epoca uscì l’album “Up” senza Berry. Solo nel 2003 la band ha arruolato Bill Rieflin, ex dei Ministry e nuovo batterista.

I R.E.M. sono stati tra i gruppi rock più seguiti in America perché non hanno avuto paura di raccontarsi e di protestare contro le scelte degli Stati Uniti: è ancora ricordata la canzone “Final Straw”, scritta per contestare le scelte dell’allora Presidente George W. Bush sulle spedizioni in Iraq.

Fonte: Il Corriere della Sera