I ritmi frenetici della vita quotidiana ci costringono, spesso, a modificare anche le abitudini alimentari in favore di pasti frettolosi e poco sani. Si mangia poco, male e di fretta e si arriva a fine giornata stanchi e privi di energie. Per arginare il problema, tuttavia, si potrebbero adottare delle scorciatoie alimentari che consentano, quantomeno, di affrontare le giornate di studio e lavoro in modo più energico.

Non tutti gli {#alimenti} donano una carica di energia immediata e duratura. È necessario, infatti, conoscere i cibi più adatti a tale scopo e consumarli regolarmente distribuendoli nei pasti giornalieri. Primi in classifica sono tutti i formaggi stagionati che, più di quelli freschi e giovani, contengono alti livelli di tiramina, un aminoacido che favorisce la secrezione di ormoni che stimolano l’organismo. Ben vengano, allora, parmigiano reggiano, gorgonzola, caciocavallo e pecorino senza, ovviamente, esagerare per non rischiare di incorrere in patologie più serie.

Quando si può, soprattutto all’inizio della stagione estiva, meglio fare incetta di fragole che contengono pochissime calorie ma, in compenso, contribuiscono a mantenere uno stile di vita sano. Una porzione di fragole, circa otto, è una preziosa fonte di vitamina C e fibre. La vitamina C, in particolare, aiuta a riparare i tessuti del corpo e svolge così una potente azione di protezione.

Meno diffusa è l’erba di grano, anche se la si può acquistare in un negozio di articoli biologici o in erboristeria. Sembra che il succo dell’erba di grano abbia moltissimi benefici per il nostro organismo, addirittura 25 volte in più rispetto alle verdure che comunemente consumiamo. Il sapore non è molto piacevole ma il risultato è assicurato grazie all’alto contenuto di clorofilla, minerali, delle vitamine A, Bcomplex, C, ed e K, proteine ​​e di 17 aminoacidi diversi.

Proseguiamo con il tè al ginseng, che è da sempre riconosciuto come bevanda energetica e stimolante. Aumenta la concentrazione e l’energia molto rapidamente. Trovare il ginseng essiccato è molto difficile, meglio utilizzare le sue radici per preparare degli infusi che abbiano, al tempo stesso, anche un effetto calmante per il sistema nervoso.

Infine, le banane. Questi golosi frutti esotici contengono naturalmente tre tipi di zuccheri diversi, il saccarosio, il fruttosio e il glucosio che li rendono estremamente energetici. La presenza delle fibre, inoltre, contribuisce a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue e, dunque, a rendere più duraturo lo stimolo energetico. Le banane si prestano a moltissime preparazioni in cucina, soprattutto dolci, e sono un ottimo alleato a colazione o a metà mattina mangiate semplici o come ingrediente principale di gustosi frullati.

Fonte: iDiva.