Che una mamma scelga di usufruire solo del periodo obbligatorio del congedo di maternità, oppure di dedicarsi al suo bimbo a tempo pieno prolungando la sua assenza da lavoro anche fino a un anno intero, arriva prima o poi il momento di tornare in ufficio e decidere a chi affidare il piccolo.

Le soluzioni sono tante, da vagliare con attenzione pensando al benessere del bambino ma anche alle esigenze dei genitori, nonché al portafoglio. Se non è possibile contare sull’aiuto dei nonni, che spesso e volentieri rappresentano la soluzione ideale per le famiglie italiane, l’alternativa è data dall’asilo nido e dalla baby sitter.

Galleria di immagini: Asilo nido

Il costo di questi servizi, tuttavia, incide non poco sul bilancio familiare soprattutto se, nel primo caso, si è costretti a ripiegare su asili privati a causa della carenza di posti nelle strutture pubbliche. Sono ancora pochissime le mamme e i papà che lavorano a poter scegliere di mandare i bambini nei comodi asili nido aziendali.

Si tratta di spazi creati appositamente dentro o in prossimità della sede dell’azienda, gestiti da personale qualificato e caratterizzati da tutti i servizi e requisiti fondamentali che un nido deve avere. Ricordiamo che questo tipo di asilo può ospitare bambini dai tre mesi ai tre anni, mentre superata questa soglia i piccoli possono frequentare la scuola d’infanzia, che precede quella primaria.

I vantaggi del nido aziendale sono facilmente intuibili. Innanzitutto si parla di ottimizzazione del tempo, infatti il genitore non dovrà perdersi nel traffico cittadino per accompagnare il figlio all’asilo prima di recarsi sul posto di lavoro, rischiando ritardi e accumulando stress.

In secondo luogo, la maggior parte delle volte le strutture aziendali dedicate ai bambini stipulano convenzioni con i dipendenti dell’azienda, che avranno meno difficoltà nel versare la retta mensile che, spesso, risulta essere abbastanza salata sebbene generalmente sia stabilita valutando il reddito familiare.

Anche gli orari di apertura e chiusura nel nido sono maggiormente flessibili, per andare incontro alle esigenze lavorative dei genitori. Tenendo conto della difficoltà che molte famiglie incontrano nel conciliare la carriera con le necessità dei figli, soprattutto se ancora piccoli, la possibilità di avere vicini i bambini durante la giornata rappresenta un modo per ridurre notevolmente ansia e stress.

Cosa pensano le aziende a riguardo? Il numero di asili aziendali in Italia è ancora molto basso, tuttavia offrire ai dipendenti questa possibilità consentirebbe di avere personale più attivo, presente e soddisfatto, senza considerare che molte mamme sarebbero facilitate e incentivate a mantenere una professione anche dopo la nascita di un figlio.