La Festa della donna è il giorno perfetto per dare sfogo alla propria creatività. L’ingegno femminile è da sempre pieno di fantasie ed energie positive, soprattutto in un campo in cui le donne hanno, loro malgrado, conoscenza atavica, come la cucina. Molte preferiscono andare al ristorante, ma non è male in questa giornata festeggiare con una cena con le proprie amiche: ecco alcune idee di ricette per il menu.

La parola d’ordine è “scenografico”, per cui liberiamo la creatività proprio nel giorno della Festa della donna e prendiamocela comoda divertendoci in cucina. La prima delle ricette infatti prevede degli antipasti che ricordino la forma del fiore dedicato alla giornata, la mimosa. Si possono ricreare dei rametti con i grissini, meglio se aromatizzati al rosmarino per esempio, e circondarli tutti con rondelle di wurstel per l’aperitivo di benvenuto alle proprie amiche. Lo stesso dicasi per le bruschette, che si possono guarnire di stracchino, mirtilli a mimare il fiore della mimosa e qualche goccia di aceto balsamico.

Per i primi, si deve pensare a cosa possa essere simpatico da proporre a delle donne. Gli gnocchi, anche se un po’ calorici possono essere un piacevole strappo alla regola. Possono essere preparati con un sugo ai funghi (nel banco frigo del supermercato ci sono una serie di sughi pronti, che possono prestarsi a simpatiche aggiunte), cui si andranno ad aggiungere dei funghi freschi e magari un bel po’ di pepe per rendere piccante il tutto. Se si vuole restare in linea, meglio la pasta integrale, magari le farfalle, anche se sono un formato non sempre facilissimo da trovare, da condire con pesto tradizionale alla genovese e melanzane grigliate tagliate a listarelle e un po’ di olio di oliva.

Secondi di carne o di pesce in base alle preferenze, entrambi in padella. Si possono preparare dei filetti di sgombro con peperoni e mais, che vanno cotti nell’ordine, peperoni, sgombro, ma giusto il tempo di saltarlo e tirarlo con il vino e il mais all’ultimo momento, perché se si riscalda troppo finisce per saltare. Per la carne si resta sul classico, scaloppine con patate al forno e tanto rosmarino: le scaloppine possono avere delle varianti, come per il formaggio da usare o l’affettato, che si possono scegliere a propria discrezione.

Infine, non può mancare il giorno della Festa della donna la torta mimosa: è una torta tradizionale con del pan di spagna, crema chantilly e ananas sciroppato a pezzetti e per guarnire, come pure per decorare servono delle molliche di pan di spagna. Se non si è troppo tradizionaliste, ma golose, si può optare per una variante al cioccolato, escludendo l’ananas e mettendo della polvere di cacao nella crema, nel pan di spagna e persino nella panna. Il risultato non è bello a vedersi, ma è assolutamente gustoso e goloso.