Il cous cous è un alimento tipico della cucina nordafricana, ma diffuso anche in molte regioni italiane che nella storia hanno subito la dominazione moresca, come per esempio la Sicilia. Ma come si prepara un cous cous perfetto? Intanto bisogna partire dal presupposto che il piatto perfetto è quello che conserva il giusto bilanciamento tra gusto e sostanze nutritive: in tal senso, il cous cous potrebbe essere il principe di questa filosofia, perché può contenere talmente tanti ingredienti da apportare tantissime sostanze all’organismo e al tempo stesso accelerare il metabolismo. Ecco però alcune idee di ricette per venire incontro al gusto di tutti.

Intanto, prima di parlare di ricette, si deve aprire una parentesi sulla materia prima. Ci sono tre tipi fondamentali di cous cous in vendita: un tipo “italiano” creato da aziende locali per ricette regionali, che solitamente si sposa benissimo con queste ma non sempre con le loro varianti, un tipo originale, acquistabile solo negli empori che hanno un buon reparto gastronomico o nei negozi dedicati alla cucina etnica, che è sicuramente il tipo ottimale per tutte le preparazioni, e il tipo istantaneo che si prepara in pochissimi minuti con l’ausilio di acqua o ancor meglio brodo.

Per quanto riguarda le aggiunte degli ingredienti, si può optare per due tipi di cotture fondamentali: il soffritto e il vapore. Il soffritto presenta un tipo di cottura più gustoso: si possono scegliere solo ortaggi per un cous cous vegetariano, oppure delle aggiunte di carne, come straccetti di pollo, di cavallo o di vitello. Ottima anche la carne macinata. La cottura al vapore è invece molto più leggera e può constare anch’essa di verdure, ma anche pesce. Da non sottovalutare il pesce al naturale, che può anche essere scaldato al vapore o utilizzato anche in altro modo.

Da primavera in poi, infatti, possono essere aggiunti anche degli ingredienti crudi, soprattutto se si vuole preparare un piatto gustoso da portare durante con sé una scampagnata. Non può mancare la cipolla tritata, il pomodoro, le olive, il tofu o la feta, dei dadini di mortadella o anche del pesce al naturale. Si deve trattare di un piatto da mangiare freddo, quindi tutti gli alimenti devono essere buoni da mangiare a temperatura ambiente.

=> Scopri i piatti della cucina africana