L’arrosto è una perfetta ricetta di secondo piatto per le feste ma anche quando si hanno molti invitati a pranzo oppure per la domenica quando, solitamente, tutta la famiglia si riunisce. L’arristo può essere preparato seguendo differenti ricette che consentono di soddisfare ogni tipo di palato, è una pietanza che prevede ripieni di qualsiasi genere oltre alla possibilità di scegliere differenti tipi di carne.

L’arrosto di maiale, solitamente si accompagna con un contorno di patate oppure di verdure che possono essere anch’esse cucinate al forno oppure secondo la modalità che si preferisce. Modi e tempi di cottura variano secondo il peso dell’arrosto e occorre sempre prestare molta attenzione per evitare che la carne si indurisca eccessivamente. La rosolatura è fondamentale, in molti casi si consiglia anche di infarinarlo prima così da far formare successivamente una crosticina croccante e gustosa.

Per chi preferisce le verdure, gli spinaci possono essere abbinati anche a del formaggio oppure, per una ricetta ancor più interessante si può creare un arrosto con contorno di uova, pancetta e asparagi. La patata è un ingrediente che si accosta perfettamente a tutti i sapori, prosciutto cotto o crudo sono sempre quelli maggiormente consigliati anche se lo si vuole imbottire.

L’arrosto alla genovese prevede come ingrediente principale la cipolla e poi l’aggiunta di carota. Si crea così una delicata salsa che può essere usata per condire non solo l’arrosto ma anche la pasta. Qui l’olio extra vergine d’oliva è fondamentale poiché amalgama i sapori delle verdure. Si tratta di una tipica ricetta ligure, che prevede l’aggiunta di vino bianco e anche un po’ di farina se necessario per rendere la salsa maggiormente densa. L’arrosto di vitello al latte impiega il latte come ingrediente principale, la carne cucina per circa due ore, rimanendo morbidissimo e saporito. Occorre aggiungere solo sedano, carota, olio, farina e qualche patata, senza dimenticare l’aggiunta di un po’ di pepe.

Il pollo arrosto viene cucinato intero e, per il periodo invernale, si possono usare le verdure come carote, cipolle e patate per accompagnarlo. Anche in questo caso, la parte esterna deve essere croccante e la carne rimanere morbida.

Il pollo può essere cucinato nella classica teglia oppure con il girarrosto, molti forni permettono questo tipo di cottura. in alternativa, se non si ha a disposizione il girarrosto può essere acquistato già pronto. L’arrosto può essere conservato anche per alcuni giorni dopo averlo affettato e talvolta, può essere anche congelato assieme alla sua salsina, così da avere un secondo sempre pronto da portare in tavola.