Il cavolfiore è una verdura tipicamente invernale con la quale si possono creare infinite ricette gustose e soprattutto sane.

Si consuma generalmente come contorno, lessato e condito con olio (e aceto o limone), ma si può usare anche per preparare ricette più sfiziose come il cavolfiore gratinato con la besciamella, fritto con la pastella, o anche come ingrediente principale del condimento della pasta o della minestra. Forse non è molto diffuso, ma è sicuramente da provare anche il cavolfiore crudo, tagliato a striscioline sottili, che conserva così inalterate tutte le sue proprietà salutari e nutritive.

Ma vediamo alcune ricette gustose e originali che vedono protagonista proprio l’ortaggio invernale per eccellenza. Il flan di cavolfiore è un piatto decisamente gustoso e non particolarmente difficile da preparare. Si inizia lavando un cavolfiore e lasciandolo cuocere al vapore per circa 10 minuti. Nel frattempo si mescolano in una terrina 50cl di panna fresca, 4 uova e 25 cl di latte, un po’ di sale e pepe. Si distribuisce il composto in appositi stampi insieme al cavolfiore, a un mazzetto di erba cipollina sminuzzata e 150 grammi di emmental. Si cuoce poi in forno a 150 gradi per 30 minuti.

Il cavolfiore gratinato è una ricetta piuttosto classica. Qui vogliamo però fornirvi una versione un po’ più light, senza burro. Bisogna innanzitutto lavare un cavolfiore e lessarlo o, ancora meglio, cuocerlo al vapore. Si versano 4 cucchiai di farina in una ciotola e, poco a poco, mezzo litro di latte parzialmente scremato o, per una versione ancora più light, si può usare mezzo litro di brodo vegetale. Si passa tutto in un colino per eliminare i grumi e si versa in una casseruola. Si fa cuocere a fuoco moderato mescolando e aggiungendo un po’ di sale, una bella manciata di pepe e abbondante noce moscata grattugiata. Nel frattempo, una volta cotto il cavolfiore, lo si distribuisce in una pirofila e vi si versa sopra questa besciamella light. A questo punto si dovrebbe spolverare sopra una bella manciata di parmigiano grattugiato, ma questo renderebbe meno light la ricetta, quindi… Si cuoce poi il tutto in forno caldo per 20/30 minuti dando alla fine un colpo di grill per ottenere una bella crosticina dorata.

Vediamo ora un ricetta per un primo, non propriamente light, a base di cavolfiore: le orecchiette con cavolfiore e salsiccia. Si inizia lavando il cavolfiore e spezzettandolo piuttosto finemente. Nel frattempo, in una padella, si fa soffriggere in un po’ di olio uno spicchio di aglio e un po’ di peperoncino. Appena inizia a soffriggere si aggiungono due salsicce precedentemente spellate e sbriciolate, si fa rosolare e quindi si aggiunge il cavolfiore insieme a un po’ d’acqua, se necessario. Si fa cuocere il tutto fino a ottenere quasi una crema e alla fine si aggiunge un po’ di timo. Nel frattempo si sono fatti cuocere circa 200 grammi di orecchiette che, una volta pronte, si fanno saltare in padella con il sugo. A questo punto non resta che impiattare.

Parliamo ora delle proprietà di questa verdura che, come si è visto, offre numerosi spunti per gustose ricette. Il cavolfiore esercita infatti un’azione benefica su tutto il nostro organismo, ha un basso contenuto calorico e presenta ottimi livello di potassio, minerali, acido folico, fibre, calcio, ferro, fosforo e vitamina C. Viene usato per prevenire, curare o alleviare numerose malattie, dato che contiene principi attivi anticancro, antibatterici, antinfiammatori, antiossidanti e antiscorbuto. Il cavolfiore è inoltre un alimento depurativo e rimineralizzante che favorisce la rigenerazione dei tessuti. È inoltre molto utile contro bronchiti, coliti, congiuntivite, contusioni, sinusite, diabete, diarree e dissenterie, dolori gastrici e intestinali, dolori muscolari e reumatici e influenza. Ecco perché non sottovalutarlo in cucina.

Fonte: Alimentipedia.it.