L’apparenza inganna, è proprio il caso di dirlo. Quando si tratta di pulire e sterilizzare, infatti, i batteri e i germi più microscopici e insidiosi possono continuare indisturbati la propria azione infettante, lasciando le donne nella convinzione che la propria casa sia pulita e igienizzata in modo impeccabile.

In cucina, poi, le attenzioni non sono mai troppe e spesso la pulizia superficiale o non corretta di frigorifero, superfici e fornelli può contaminare i cibi e provocare malattie.

Nasce proprio a questo scopo, dunque, un questionario creato dal dipartimento della Salute di Los Angele proprio per testare il livello di pulizia della propria cucina al fine di ridurre il rischio di malattie come salmonella, campylobatteriosi, Escherichia coli.

Il test si compone di 57 domande alle quali è sufficiente rispondere con un sì o un no e fornire un giudizio su una scala che va dal massimo di A al minimo di D.

Dei 13mila americani che hanno effettuato il test, solo un esiguo 34 per cento ha ottenuto il massimo punteggio, mentre nei restanti casi si è evidenziata una scarsa o sbagliata tecnica di pulizia della cucina così come di conservazione dei cibi.

Tra gli argomenti trattati, infatti, figurano, oltre alle tecniche di pulizia di dispense, fornelli e scomparti del frigorifero, anche quelle di congelamento e conservazione dei cibi, di pulizia degli utensili e delle mani.

Se siete curiosi di testare il livello di igiene della vostra cucina ecco, qui di seguito, il link al meticolo test. Unica pecca, le domande sono in lingua inglese.