Neonati e sonno. Un binomio che spesso crea ansia e preoccupazione in molte coppie di neogenitori. Si, perché non sempre accade che un piccolo essere appena venuto al mondo ha già ben chiara la differenza tra il giorno e la notte, spesso confusi l’uno con l’altra.

C’è tuttavia un nuovo studio che aggiunge qualcosa di nuovo sull’argomento, sostenendo come il comportamento di mamma e papà possa giocare un ruolo fondamentale quando si parla di sonno. Se il bambino assiste a un litigio tra i suoi genitori, probabilmente avrà molta difficoltà a prendere sonno e a tirare dritto fino alla mattina dopo.

Galleria di immagini: sonno dei bambini

Certo, non è difficile pensare che un’atmosfera tesa in famiglia possa causare qualche scompenso e compromettere la serenità dei più piccoli, ma gli studiosi della Oregon State University si sono spinti oltre nella ricerca arrivando a sancire un legame tra le abitudini dei neonati in materia di sonno e, in poche parole, un’eventuale crisi di coppia.

Questa teoria è il risultato di un’indagine condotta su 350 famiglie con bambini adottati da piccolissimi, entro i primi tre mesi di vita. Gli effetti dell’instabilità tra i due coniugi si verificavano soprattutto intorno ai nove mesi di vita del bimbo, che manifestava spesso difficoltà nell’addormentarsi.

“I genitori devono essere consapevoli che i problemi matrimoniali possono avere un impatto sul loro bambino, anche in età molto giovane. I disturbi del sonno non devono essere sottovalutati possono infatti riflettersi, in futuro, sul rendimento scolastico del piccolo e facilitare la comparsa di problemi comportamentali e di disattenzione”.

Anne Mannering, autrice dello studio, non solo puntualizza la necessità di evitare discussioni in presenza dei bambini, ma mette anche in guardia i genitori sulle possibili conseguenze. Il prolungarsi di un comportamento di questo tipo da parte di mamma e papà, infatti, potrebbe anche causare disturbi comportamentali e deficit di attenzione nei figli.

Un po’ di buon senso, quindi, non guasterebbe in situazioni di questo tipo, sia che la coppia stia affrontando i normali squilibri che spesso si verificano dopo la nascita di un figlio, sia che alla base ci siano problemi ben più gravi che potrebbero portare a una separazione.