Quante volte è capitato di passare in un supermercato e fermarsi ad ammirare deliziose barrette di cioccolato? Se da un lato c’è chi pensa che il cioccolato faccia ingrassare, dall’altra c’è chi lo ritiene salutare, oltre che gustoso.

Recenti studi dimostrano infatti che il cioccolato sia ricco di antiossidanti, addirittura più di quelli contenuti nella frutta: i ricercatori di “Hershey Center for Health & Nutrition” hanno infatti confrontato le potenzialità del cacao con quelle della frutta in polvere.

Galleria di immagini: cioccolato

Il risultato è davvero strabiliante: il cioccolato fondente è risultato essere più salutare di un succo a base di frutta. I suoi effetti benefici aiutano a prevenire malattie cardiovascolari e il cancro.

Se da un lato la polvere e le barrette di cioccolato sono un toccasana per tutti, la cioccolata calda è da evitare: riscaldare il cioccolato fa perdere le potenzialità benefiche per la salute.

Non resta che l’imbarazzo della scelta: i più golosi sapranno che le varietà di cioccolato sono davvero infinite. A seconda della percentuale di burro di cacao e ingredienti aggiuntivi è possibile gustare il cioccolato fondente, il cioccolato al latte o il cioccolato bianco. Sono molto richieste sul mercato le tavolette di cioccolato alla nocciola o quelle con gusti particolari come il cacao all’arancia, al caffè, al peperoncino e addirittura alla birra.

Il dilemma del compratore spesso riguarda la scelta tra cioccolato preconfezionato e composizioni artigianali. Ovviamente, quasi sempre se ne fa una questione di prezzo, oltre che di giusto: per acquistare delle tavolette di cioccolato non occorre andare molto lontano ma è possibile trovarle nel supermercato sotto casa con prezzi molto accessibili, anche a partire da un euro.

Se invece si vuole provare il gusto intenso di una produzione artigianale, i prezzi salgono alle stelle e il cioccolato verrà valutato a peso. Tuttavia, la scelta è molto più ampia e talvolta è possibile dare addirittura una forma artistica a quello che viene definito come il “cibo degli dei”.