Sono dati allarmanti quelli che emergono da studi condotti presso le università di Milano e di Bologna e che vedono protagonista il colesterolo. Secondo quanto spiegato, infatti, sarebbero ben 14 i casi di infarto registrati ogni ora in Italia legati proprio al colesterolo, con una media di circa 25 decessi ogni 60 minuti.

Oltre a queste vittime si registrano numerosi casi di malattie ischemiche del cuore e casi di aterosclerosi, con circa 26 ricoveri ogni ora dovuti a queste patologie. I dati affermano inoltre che 20 persone su 100 non hanno mai tenuto sotto controllo il livello di {#colesterolo}, con la Sardegna come regione con il più alto numero di cittadini poco attenti in tal senso.

Eppure basterebbe una riduzione del colesterolo per evitare problemi di salute, come afferma Alberico Catapano, professore di farmacologia all’Università di Milano e presidente della Società Europea Aterosclerosi:

«È dimostrato che per una riduzione di 40mg di colesterolo si riduce del 25% il numero degli eventi ischemici e con una riduzione di 80 mg, si dimezzano.»

I numeri registrati nel 2010 confermano come per malattie del sistema circolatorio siano morte 225.588 persone, di cui 75.514 riconducibili proprio a malattie ischemiche del cuore. Per quanto riguarda i ricoveri per casi di aterosclerosi coronarica e altre malattie ischemiche il numero arriva invece a 230.065 casi.