Fondato nel 1979, il Comitato Maria Letizia Verga per lo studio e la cura della leucemia del bambino ha l’obiettivo di offrire ai piccoli malati in cura presso il Centro Maria Letizia Verga di Monza l’assistenza medica e psico-sociale più qualificata al fine di garantire loro le più elevate possibilità di guarigione e la miglior qualità di vita.

Da 37 anni il comitato è impegnato nella lotta contro la leucemia del bambino con una visione che affronta la malattia e la cura facendosi carico dei problemi della famiglia in nome di un’alleanza terapeutica basata sull’identità di intenti tra medici e genitori.

Il comitato sostiene il Centro di Emato-oncologia Pediatrica di Monza, una struttura di riferimento nazionale e internazionale per la ricerca e il trattamento delle emopatie infantili,  diretto dal 2009 dal Prof. Andrea Biondi.

Il centro rappresenta un sistema integrato di risposte alle complesse esigenze del bambino malato di leucemia e della sua famiglia: unisce ricerca, cura, terapia e assistenza. Nasce dalla iniziativa privata a favore del pubblico, per offrire a tutti le migliori cure e la possibilità di guarire, in un contesto che si fa carico di tutte le necessità pratiche ed emotive della famiglia. Finanziato e realizzato interamente grazie a donazioni da privati, viene gestito in piena autonomia e responsabilità dalla “Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma (MBBM)”, a sua volta istituzione privata. Grazie però a una particolare convenzione con la Regione Lombardia, è a tutti gli effetti un Ospedale Pubblico, di tutti e per tutti, cui si accede attraverso il Servizio Sanitario Nazionale.

L’ospedale è strutturato su 4 piani e 8400 mq: ospita il Centro Ricerche Tettamanti, il Day Hospital, il reparto di degenza ematologica, il Centro Trapianti di Midollo Osseo, le aree riservate ai medici, gli spazi per l’accoglienza e i servizi per i bambini e le famiglie. Nel corso del 2016 sono realizzati i lavori per la costruzione della palestra di riabilitazione motoria per i bambini ed i ragazzi in cura e del giardino d’inverno, entrambi situati all’ultimo piano della palazzina.

Sin dalle sue origini all’inizio degli anni 80, il Comitato Maria Letizia Verga ha fortemente voluto un Centro di Ricerca proprio accanto ai reparti di cura, nella convinzione che è indispensabile per promuovere il continuo avanzamento delle conoscenze e per trasferire rapidamente al letto del piccolo paziente le acquisizioni in campo diagnostico e terapeutico.

Cura della leucemia infantile: come devolvere il 5 per mille al Comitato Maria Letizia Verga

  • Per devolvere il 5 per mille al Comitato Maria Letizia Verga è sufficiente inserire il codice fiscale del Comitato (97015930155) nell’area del “Sostegno del volontariato e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociali” per sostenere le attività di assistenza clinica e psico-sociale, oppure nell’area “Finanziamento della ricerca scientifica e dell’università” per sostenere la ricerca nel campo delle leucemie infantili.
  • Il 5 per mille può essere destinato ai progetti di cura e assistenza oppure a quelli di ricerca, non può essere devoluto per entrambi.
  • Anche coloro che non presentano dichiarazione dei redditi possono indicare la propria preferenza, compilando la scheda fornita insieme al CUD. La scheda si può poi consegnare a un ufficio postale o a uno sportello bancario in una busta intestata “Destinazione cinque per mille irpef” con l’indicazione del proprio nome, cognome e codice fiscale.

Leucemia infantile: qualche numero

  • Nei bambini i tumori sono la seconda causa di morte, dopo gli incidenti, tra 0 e 15 anni, e la leucemia ne è la forma più frequente, costituendo circa il 35%.
  • Tra bambini e ragazzi con meno di 15 anni di età sono più diffuse le forme acute della malattia (leucemia linfoblastica acuta e leucemia mieloide acuta), mentre le forme croniche sono piuttosto rare. In particolare la leucemia linfobastica acuta colpisce prevalentemente bambini al di sotto dei 2 anni, mentre la forma mieloide acuta è comune in tutta l’età pediatrica anche se è leggermente più frequente sotto i 2 anni.
  • L’incidenza della leucemia infantile è di circa 47 casi ogni milione di bambini per anno.
  • In Italia si ammalano oggi circa 500 bambini all’anno, tra 0 e 14 anni.
  • Grazie ai progressi compiuti dalla ricerca oggi più dell’85% dei bambini con diagnosi di leucemia o linfoma guarisce, contro il 30% del 1979.