Mario Monti ha visto il suo decreto “Salva Italia” approvato anche al Senato: finalmente, la manovra pensata per risolvere la crisi economica italiana è diventata legge, nonostante i pareri contrari della Lega Nord e dell’Italia dei Valori.

Il prossimo passo per il premier Monti consiste nel puntare a rendere più rapida la crescita del Paese, con alcune modifiche alle leggi su liberalizzazioni e infrastrutture. Ma tali modifiche dovranno sempre essere discusse in Parlamento: per questo motivo, il Presidente del Consiglio ha convocato gli esponenti dei partiti per spiegare l’importanza di una rapida approvazione e degli effetti positivi delle manovre.

Galleria di immagini: Governo Monti

Inoltre, Mario Monti sta anche cercando di conquistare la simpatia dei partiti politici affinché collaborino alla modifica delle proposte di legge da presentare in Parlamento.

La risposta, però, non sembra essere completamente positiva: a parte il parere contrario di alcune forze politiche, altri parlamentari come Giuseppe Fioroni hanno dichiarato di essere dalla parte di Monti solo per salvare l’Italia dalla crisi economica. Sarà difficile, per Monti, ricevere anche un consenso politico e magari elettorale.

Dopo il decreto “Salva Italia”, quindi, saranno necessarie azioni coraggiose da parte del Governo per rimettere in sesto l’economia italiana: il Premier Monti, però, assicura che i risultati positivi di tali proposte di legge saranno duraturi. Agli italiani è quindi richiesto ancora uno sforzo, come quello che dovranno sostenere in materia di pensioni e mercato del lavoro.

Fonte: TMNews