Dopo due anni di assenza dall’ultimo film, il thriller “Angeli e demoni” tratto dall’omonimo romanzo best-seller di Dan Brown, fa il suo ritorno nei cinema il regista Ron Howard con una simpatica commedia a base con Vince Vaughn e Kevin James, “Il dilemma“.

Oltre ai due attori comici, ad arricchire il cast di tutto riguardo ci sono anche Winona Ryder, reduce dalla partecipazione in “Black Swan” e Jennifer Connelly, vincitrice del premio Oscar come attrice non protagonista per “A beautiful mind”. Tra i non protagonisti fanno invece capolino anche l’esuberante Queen Latifah e il bel Channing Tatum, entrambi con due ruoli piuttosto brevi ma decisamente intensi.

Galleria di immagini: Il dilemma

Ronny (Vaughn) e Nick (James) condividono gran parte della vita insieme, essendo migliori amici e soci in una casa automobilistica. Entrambi godono della fortuna di avere al loro fianco una donna stupenda, infatti Nick è sposato con Geneva (Ryder) mentre Ronny è felicemente fidanzato con Beth (Connelly). Nonostante la vita con la sua amata sia perfetta, Ronny non si decide a chiedere la mano di Beth, nonostante i consigli dei suoi due amici, coloro che rappresentano secondo lui la coppia perfetta. Quando un’importantissima occasione di lavoro si profila davanti ai due soci, succede però qualcosa di veramente sconvolgente: Ronny scopre Geneva mentre si scambia un bacio appassionato con un altro uomo (Channing), mettendo in serio pericolo tutte le certezze che l’avevano spinto a fare il fatidico passo verso il matrimonio. Tra rocamboleschi pedinamenti e imbarazzanti equivoci, Ronny si trova davanti a un vero e proprio dilemma: mettere al corrente l’amico del tradimento o aspettare di terminare l’ambito lavoro?

I presupposti per una buona commedia ci sono tutti: gli amici, l’amore e gli equivoci. Eppure sembra che Ron Howard non riesca a intraprendere la strada giusta per sviluppare un film del genere senza renderlo caotico e approssimativo. Nonostante la rosa di attori faccia il proprio meglio, su di tutti una Winona Ryder che sprizza perfidia da tutti i pori, “Il dilemma” non riesce a decollare, infilando una serie di tempi morti davvero notevole.

Le scene veramente divertenti sono poche, sebbene Queen Latifah, supervisore dei soci Vaughn e James, ci provi più di una volta a far partire la risata generale con scarsi risultati, probabilmente anche a causa di una comicità che non si evolve all’interno delle due ore scarse di film. Per gli altri si tratta quasi sempre di battute, frasi lanciate nella mischia che poco riescono a risaltare in un contesto che spesso si avvicina più ai canoni del dramma che a quelli della commedia.

Niente di fatto dunque per Ron Howard che, sebbene di strada ne abbia fatta molta, questa volta manca il bersaglio andandosi a incastrare in una via di mezzo tra la commedia degli equivoci e la fiaba con tanto di morale senza però riuscire a rendere propriamente nessuna delle due.