Il film storico “Il Discorso del Re” sulla vita del monarca inglese Re Giorgio VI, diretto da Tom Hopper, continua a raccogliere successi e riconoscimenti. Infatti, dopo le ben 12 nomination agli Oscar e il Golden Globe al protagonista della pellicola,Colin Firth, il film ha ricevuto nuovi e illustri premi.

Il regista ha vinto l’ambito DGA Award, cioè il premio come “Miglior regista dell’anno” dall’associazione dei registi. Il premio ha destato molte sorprese. Infatti, come nel caso delle nomination agli Oscar, il favorito della premiazione era David Fincher, regista di “The social network“, il film su Facebook.

Il DGA Award risulta essere un premio molto importante perché, in genere, rappresenta l’anticamera degli Oscar. Infatti, nella storia della kermesse fin dal 1948, solo in 6 occasioni su 63 il vincitore del DGA non si è ripetuto nella stessa categoria agli Academy Awards.

Galleria di immagini: SAG-DGA: il discorso del re

Hopper ha così sconfitto non solo Fincher e il suo noto film su Facebook, ma anche Darren Aronofsky per la commedia noir “Black Swan” con Natalie Portman, il regista Christopher Nolan per il thriller psicologico “Inception” con Leonardo Di Caprio, e David O. Russell per “The Fighter” con Christian Bale.

La rincorsa ai premi per il film di Hopper non sembra comunque arrestarsi. Infatti, il protagonista Colin Firth, grazie alla sua ineguagliabile interpretazione del balbuziente Re Giorgio VI, ha ricevuto il premio come “Miglior attore protagonista” ai “2011 Screen Actors Guild Awards“, riconoscimenti assegnati dal sindacato degli attori.

Il film, nell’ambito della manifestazione “SAG 2011″, si è aggiudicato anche il premio come miglior cast.

Nel trailer italiano del film “Il Discorso del Re” appariva l’impropria ed errata dicitura “del regista premio Oscar Thomas Hopper”. Il regista però non ha mai ricevuto alcun Oscar durante la sua carriera. Visto il successo del suo ultimo film e i tanti premi, probabilmente quella dicitura non era così sbagliata, ma semplicemente chiaroveggente.