Il gossip in ufficio è spesso visto come un fattore destabilizzante, un elemento che può minare la tranquillità e la produttività del gruppo. Spesso è considerato una perdita di tempo, inoltre, spettegolare sugli altri colleghi potrebbe concorrere a creare un clima teso e poco collaborativo, fatto di ripicche e litigi.

=> Scopri come sfruttare al meglio il gossip in ufficio

In realtà, però, queste ultime affermazioni sembrano essere state smentite scientificamente. Uno studio dell’Amsterdam University ha invece dimostrato proprio il contrario: e cioè che il gossip in ufficio aiuterebbe a rendere più produttivi i lavoratori e più produttiva l’azienda.

Lo studio è stato realizzato su oltre duecento persone, a cui è stato chiesto, di volta in volta, di interloquire in maniera differente sui temi più disparati. Senza entrare troppo nel dettaglio della ricerca, basti sapere che il chiacchiericcio e il pettegolezzo sono le cose che più hanno tenuto unito il gruppo.

La scoperta si basa su un fondamento psicologico quasi primordiale: la parola e il discorso (e, quindi, anche il pettegolezzo) sono un prodotto dell’evoluzione umana. Un tempo, gli uomini sviluppavano coesione soltanto durante la caccia, l’unico momento che doveva, per forza di cose, prevedere la collaborazione serrata tra tutti i membri di un gruppo.

=> Leggi perché il gossip in ufficio si diffonde via email

Oggi non si va più a caccia per soddisfare il fabbisogno di cibo, ma si sviluppa coesione e collaborazione in altri modi. Il lavoro, che impiega l’uomo circa otto ore al giorno, è un contesto in cui essere uniti è di fondamentale importanza. Se alla base della collaborazione professionale non c’è un legame amicale, il lavoro quotidiano rischia di diventare semplice automatismo, il che può provocare stress, ansia, ma anche danni al semplice andamento dell’azienda stessa.

Se, invece, si sviluppano rapporti d’amicizia, la qualità del lavoro e della vita in ufficio sarà migliore. Per dar vita a legami amicali, i momenti di coesione sono due: la pausa pranzo e il gossip.

La pausa pranzo è indubbiamente un momento di grande unione, poiché, mangiando assieme, ci si sveste di tabù e pudori che, solitamente, sono legati al mangiare, specie con persone che non appartengono alla propria famiglia. Chiacchierare, anche – e soprattutto – di argomenti riguardanti la vita fuori dell’ufficio, aiuterà a rendere più saldi i rapporti.

Impossibile pensare di sopravvivere in un luogo di lavoro in cui non vi sia la battuta sagace o la risata condivisa: un posto di lavoro in cui si parla solo di lavoro, senza dare spazio all’umanità, è un posto di lavoro arido che neppure invoglierà il lavoratore a lavorare con passione.

Fonte: Aol