Il danno è stato fatto. Dopo le rivelazioni che la pornodiva Michelle McGee ha fatto ai tabloid scandalistici sulla sua storia extraconiugale con Jesse James, marito di Sandra Bullock, ora a lui restano solo i cocci da raccogliere.

Mentre la Bullock prende baracca, burattini e figli per andarsene di casa, James le domanda perdono per la tresca di 11 mesi che lui ha consumato in segreto fino alla premiazione degli Oscar di questo mese, cerimonia in cui la Bullock ha perfino ottenuto due statuette, e spera che la moglie possa ritornare sui suoi passi.

Mi merito le peggiori conseguenze per le mie azioni. Ma spero che un giorno possano trovare in fondo al cuore la bontà di perdonarmi. La maggior parte delle accuse sono false e infondate. Ma qui c’è solo un colpevole. E sono io. Ho agito da stupido e accetterò le conseguenze. Mi dispiace aver causato tanto dolore e imbarazzo a mia moglie e ai nostri tre bambini

Così dichiara accigliato James che, tramite le sue affermazioni di pentimento alla stampa, sta cercando di destare la compassione della moglie.

E la signorina McGee, che con le sue rivelazioni bomba è in parte responsabile per la situazione che si sta verificando in casa Bullock, in realtà si scarica dalle sue colpe dicendo:

Non l’avrei mai fatto se avessi saputo che era sposato. Ero convinta che fosse una storia seria.