Chi non è stato colto da dubbi la sera prima delle nozze? Sarà l’uomo giusto con cui passare la vita? Sto facendo la cosa giusta? Queste sono solo alcune delle domande che riempiono la testa una persona prossima al matrimonio, un passo talmente importante e atteso da non poter essere compiuto a occhi chiusi.

Se ci fosse un modo per essere certi di sposare il partner che ci renderà felici sarebbe perfetto, e anche le separazioni calerebbero bruscamente. Proprio per limitare i divorzi, un rabbino del Berkshire, nell’Inghilterra sud-orientale, ha ideato un test dettagliato che aiuta a chiarirsi le idee prima del matrimonio.

Galleria di immagini: Matrimonio all'americana

Si chiama il questionario degli sposi e consiste in 20 domande finalizzate a capire se esiste veramente affinità di coppia tra due persone che stanno per andare all’altare, o almeno che hanno questa intenzione. L’ideatore è il rabbino della Sinagoga di Maidenhead Jonathan Romain, che afferma di garantire la diminuzione dei divorzi di oltre dieci volte.

“Io chiedo alle persone di riempire il questionario senza consultarsi l’uno con l’altro. Qualche volta il risultato dà origine a grida di gioia, altre volte a preoccupazione e disperazione. Ma altrettanto importanti sono le risposte dove si dice “non so”, che non necessariamente sono un segnale di incompatibilità, ma significa che non ci si conosce ancora abbastanza bene. Del resto, il matrimonio è proprio riuscire a indovinare se la persona che abbiamo scelto ci andrà bene anche in futuro.”

Come funziona questo test? È molto semplice, per essere certi che il matrimonio andrà a buon fine è necessario che almeno quindici su venti risposte siano uguali per lui e per lei. Se questa cifra è contenuta tra nove e quattordici, i due promessi sposi hanno probabilmente bisogno di più dialogo e conoscenza. Meno di otto risposte uguali indicano che la coppia scoppierà ben presto.

Gli argomenti toccati sono molti, e spaziano dal piatto preferito del partner fino al suo progetto di vita, alle sue abitudini e ai suoi rimpianti. Questa sfilza di domande ricorda un po’ il celebre film “Green Card – matrimonio di convenienza”, dove un buffo Gérard Depardieu e una splendida Andie MacDowell si sposano solo per ottenere alcuni vantaggi, e devono impegnarsi a studiare tutte le abitudini del partner per dimostrare di amarsi davvero.

Tra le domande proposte dal rabbino Romain compare ovviamente il discorso maternità e paternità, infatti a far naufragare le nozze è spesso la differenza di vedute in materia di figli. Altro tasto dolente è quello che riguarda i soldi e la tendenza a risparmiare o, al contrario, a essere di manica larga.

Da non sottovalutare anche la domanda relativa ai lati del carattere che si vorrebbero cambiare nel futuro sposo, o nella futura moglie, desiderio che già di per se potrebbe far vacillare il rapporto di coppia.

Che dite, vale la pena cimentarsi in questo test? Ecco le tutte le 20 domande.

1. Qual è il suo piatto preferito?

2. Il partner vorrà un animale domestico?

3. Lei/lui soffre di allergie?

4. Quale è stato uno dei momenti più felici della sua vita?

5. Quale è stato il momento più triste della sua vita?

6. Lei/lui vuole dei figli, e quanti e quando?

7. Quanto spesso va a trovare la sua famiglia?

8. Quali tradizioni familiari vorrebbe mantenere?

9. Qual è la sua vacanza ideale?

10. Ama risparmiare o spende tutto quello che guadagna?

11. Ritenete che sia facile farle/fargli il regalo di compleanno?

12. Dove le/gli piacerebbe abitare nel giro di pochi anni?

13. Chi ha maggior influenza su di lei/lui, a parte voi?

14. Qual è il suo più grande rimpianto?

15. Lei/lui vuole conti bancari separati o in comune?

16. Che tipo di educazione lei/lui vuole impartire ai figli?

17. Qual è la sua visione del futuro?

18. Ci sono vostre abitudini o caratteristiche che lei/lui odia?

19. Che cosa vorreste principalmente cambiare di lei/lui?

20. Quali sono i principali valori che ha?