Il sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia, riferito al terzo trimestre 2012, fornisce informazioni sul trend di compravendita e prezzi nel periodo luglio/settembre 2012.

Il Sondaggio congiunturale realizzato da Banca d’Italia e Tecnoborsa con la collaborazione dell’Agenzia del Territorio conferma anche per il terzo trimestre 2012 le difficoltà del mercato immobiliare, anche se contrassegnato da una minore intensità rispetto al panorama decisamente negativo del trimestre precedente.

Continua la flessione delle quotazioni di mercato oltre che, ovviamente di nuovi incarichi a vendere. Uno scenario che induce gli operatori ad un certo pessimismo, ma in misura minore rispetto a quanto riscontrato in primavera sia per il proprio mercato di riferimento che per il mercato nazionale. Anzi, per quest’ultimo le prospettive sembrano meno sfavorevoli nell’arco di due anni.

Sotto il profilo dei prezzi delle abitazioni, nel terzo trimestre del 2012 gli agenti monitorati hanno segnalato in genere una diminuzione dei prezzi rispetto al periodo precedente, sono pochissimi invece gli agenti che nel terzo trimestre hanno segnalato un aumento delle quotazioni.

Per quanto riguarda le compravendite, si è notato un calo a livello nazionale, a prescindere dalla ripartizione geografica e dalla dimensione della popolazione residente. Gli incarichi a vendere, invece, hanno continuato a crescere nell’estate, rispetto al sondaggio di luglio, soprattutto nel Nord Ovest e nel Centro ed è stato più evidente nelle aree non urbane.

I motivi sono ovvi: la maggiore difficoltà a evadere i mandati a vendere conferiti in passato oltre alla mancanza di proposte di acquisto a causa di prezzi percepiti come troppo elevati, mentre sono aumentati coloro che indicano proposte di acquisto a prezzi giudicati troppo bassi dal venditore. Si è ridotta la percentuale di agenti immobiliari che segnalano un tempo troppo lungo trascorso dal conferimento dell’incarico, attese di prezzi più favorevoli e difficoltà d’accesso al mutuo da parte dei potenziali acquirenti.