La pubblicità della Vivident sta facendo molto discutere. Perché è divertente, è nonsense, è un’americanata in senso lato. Nello spot si vedono un padre e un figlio durante una giornata di pioggia: il padre confessa di essere una donna, il figlio di essere una marionetta. Il tutto seguito da un uomo in cima a un grattacielo che viene all’improvviso schiacciato da una balena bianca.

Ma lo spot crea polemica perché il Moige afferma che lo svelamento dell’identità sessuale potrebbe sconvolgere i minori. Tanto che la responsabile dell’Osservatorio Media del Moige, Elisabetta Scala, ha dichiarato a Klaus Davi:

Galleria di immagini: Spot vivident

“Abbiamo centinaia di segnalazioni di genitori che protestano contro questo spot, per le sue immagini scioccanti. Possiamo documentare come molti genitori denunciano come siano rimasti sconvolti i propri figli da questa pubblicità passata in fascia protetta. Troviamo di pessimo gusto che venga messo in discussione il ruolo del padre in un momento in cui media e pubblicità stanno evidenziando questa figura in maniera negativa.”

Eppure si tratta della parodia più vecchia del mondo, quella di Darth Vader che dice a Luke Skywalker nella saga di “Guerre stellari” di essere suo padre, rivelando così a lui che è buono di essere nato da un essere malvagio. Parodie del genere se ne fanno a bizzeffe: anche i Griffin, in un episodio, hanno mostrato persone che giocavano a rivelare di essere esseri assurdi.

E la redazione di Giornalettismo, che ha ripreso la notizia, ha fatto un parallelo con la moglie del reverendo Lovejoy dei Simpson che, bigotta com’è, chiede sempre che qualcuno pensi ai bambini. La protesta del Moige appare in effetti fuori luogo: se proprio si vuole credere che le immagini proposte siano vere, allora è più scioccante una balena che casca dal cielo.