Intervengono proprio tutti sulla storia di Belen Rodriguez e Stefano De Martino, diciamo che piace a pochi questo intreccio fra i destini, casuale o no, dobbiamo ancora capirlo. Così, dopo Platinette, Giulia Pauselli e, non ultimo, la breve ma intensa sfuriata di Claudio Lippi, questa volta a parlare è il nonno di Emma Marrone, protagonista inconsapevole di quanto sta succedendo, fino a qualche settimana fa era ancora convinta di avere un fidanzato, una casa, ed una probabile data di matrimonio da fissare entro la fine dell’anno, come diceva il papà dell’artista salentina, era stata scelta anche la chiesa.

Al settimanale “Vanity Fair”, il nonno di Emma Marrone, che si dice deluso del comportamento di Stefano De Martino:

“Sono deluso. Stefano mi chiamava già nonno. Però si è dimostrato debole, uno che si fa guidare più dalla passione che dal sentimento: un ballerino anche nella vita.”

L’unico dato positivo, aggiunge, è che Emma Marrone abbia capito in tempo chi aveva al suo fianco:

“Emma non meritava tutto questo, lo ha sempre aiutato: per lui cucinava e stirava. Già una volta, contro il parere dei genitori, gli aveva perdonato il tradimento. Ora l’ha buttato fuori di casa, e ha fatto bene.”

Non risparmia critiche neanche a Belen Rodriguez:

“Di essere più seria per non dare una brutta immagine dell’Argentina. Io sono nato a Buenos Aires, so che lì i valori sono gli stessi della nostra Puglia: Belén è una mia connazionale, ma stavolta mi ha tradito”.