Il peperoncino è un grande alleato per la nostra linea e ha molte qualità benefiche. Per questo motivo, è fortemente consigliato un suo uso moderato in cucina: mangiarne mezzo cucchiaino al giorno aiuta infatti a ridurre la fame e stimola il consumo di calorie.

Coloro che fossero a dieta possono dunque approfittare dei vantaggi che ha il peperoncino rosso, in quanto riesce a contenere l’appetito e a far sopportare meglio un regime alimentare dietetico. Le informazioni provengono da una nuova ricerca condotta dalla Purdue University dell’Indiana, Stati Uniti, diretta dal professor Richard Mattes e dalla dottoressa Mary Jon Ludy.

Galleria di immagini: Peperoncino rosso

Per giungere a queste conclusioni, gli esperti hanno preso in esame un campione di venticinque volontari sani e non in sovrappeso, e tra questi c’erano 13 consumatori abituali di cibi piccanti. Innanzitutto lo studio è stato mirato a evidenziare quale livello di sopportabilità al consumo del peperoncino rosso avessero i due gruppi, e ne è stato ricavato il dato di 1,8 grammi per quelle persone che lo consumano spesso, e di 0,3 grammi per gli altri.

Dopo una serie di ulteriori esperimenti, è stato notato come anche una dose limitata di peperoncino rosso, pari a circa mezzo cucchiaino, riesca a attenuare l’appetito e ad aiutare l’organismo a ottimizzare la digestione degli alimenti che sono stati assunti, e l’assorbimento delle relative sostanze nutritive.

Queste informazioni valgono soprattutto per gli individui che non consumano la spezia regolarmente: in questo caso vengono infatti bruciate più calorie, e inoltre i benefici in tal senso aumentano se il peperoncino viene consumato al naturale piuttosto che in capsule, perché è proprio per via di quel bruciore che sentiamo in bocca che viene scatenato un meccanismo che riduce i morsi della fame.

L’effetto smorza-fame del peperoncino viene dunque limitato quando il suo uso diventa abituale e, quindi, si diventa avvezzi al gusto piccante che provoca, come riporta Asca. Via libera dunque al peperoncino nei nostri piatti, ma attenzione a non esagerare.