Il piccolo Nicolas e i suoi genitori” è una commedia per bambini diretta da Laurent Tirard, regista del prossimo “Asterix” (2011).

Il film è l’adattamento per il grande schermo di uno dei più importanti classici per l’infanzia francesi, “Le petit Nicolas“, nato dalla fantasia di René Goscinny, ideatore di “Asterix” e dai disegni del famoso illustratore Jean-Jacques Sempé.

Il film, che in Italia è uscito dal 2 aprile, ha sbaragliato i botteghini francesi, incassando solo nel primo week end di programmazione 1 milione di euro.

La storia si ambienta in Francia negli anni ’50. Il piccolo Nicolas (Maxime Godart) conduce una vita tranquilla: è molto amato dai suoi genitori (Valérie Lemercier e Kad Merad), va a scuola, si diverte con i suoi coetanei.

Un giorno, però, in seguito a fortuiti avvenimenti, Nicolas crede che la mamma sia incinta e così il mondo gli crolla addosso. Nicolas, infatti, è sicuro che il nuovo arrivato non solo ruberà tutta l’attenzione dei suoi genitori, ma li spingerà ad abbandonarlo nel bosco come nella fiaba di Pollicino. Così Nicolas cercherà il modo per non fare la fine di Pollicino e, con l’aiuto degli amici, escogiterà un piano per far rapire il nuovo arrivato.

La nascita di un nuovo bambino crea sempre un certo scompiglio nella famiglia. Il primogenito è solitamente un po’ spaventato perché sa che tutto cambierà per lui. Questo aspetto, anche se naturale, è stato studiato e psicoanalizzato per decenni.

Il regista Turondt sceglie di raccontarcelo in modo intelligente e ironico, attraverso gli occhi di Nicolas, attraverso il suo mondo di piccole e innocenti certezze.

“Il piccolo Nicolas” è una commedia divertente, lineare, ben costruita e soprattutto senza la solita morale alla “disney-maniera”.

Adatta ai più piccoli e piacevole anche per i più grandi, “Il piccolo Nicolas” sicuramente conquisterà anche il pubblico italiano.