Non capita certo tutti i giorni di prendere il proprio posto in aereo sul sedile di una compagnia low cost e scoprire che il vicino di fila è un reale d’Inghilterra, anzi il Principe William in persona. È proprio quello che è capitato il 2 luglio ai passeggeri a bordo del volo Ryanair di mezzogiorno diretto dall’aeroporto londinese di Stanstead a Glasgow, in Scozia: il 33enne figlio di Carlo di Inghilterra e di Lady Diana si stava infatti recando a nord per la sua formazione di lavoro con la East Anglian Air Ambulance.

Il principe William, partito in mattinata dalla casa di Norfolk, dove ha lasciato la moglie Kate Middleton e figli, il principe George e la piccola Charlotte, è sembrato accompagnato da una sola guardia del corpo, ed era vestito come sempre in maniera molto sobria e casual, con occhiali da vista, camicia di un azzurro pallido e maglioncino dell’amato blu navy.

Forse questo viaggio popolarmente low cost è stato scelto dal Duca di Cambridge per rimediare allo spostamento in qualche modo più lussuoso del necessario che qualche giorno fa lo ha portato in elicottero da Highgrove a Windsor – a soli 90 minuti in auto – per partecipare ad un evento in onore dell’800° anniversario della Magna Carta.

Il principe William, che in passato ha lavorato nella Royal Air Force, si è recato in Scozia per terminare la sua fase di formazione con l’East Anglian Ambulance Air, per il trasporto di pazienti ospedalieri con eliambulanze e aerei, dopo un mese di congedo per godere della nascita, lo scorso 2 maggio, della secondogenita, la principessa Charlotte.

Papà William, comunque, è costretto a rientrare a breve, visto che tutto è già pronto per il battesimo di Charlotte, che verrà officiato domenica 5 luglio presso la chiesa di Santa Maria Maddalena nella tenuta della Regina di Sandringham, a Norfolk, dall’Arcivescovo di Canterbury, alla presenza di pochi intimi tra cui la Regina e i nonni e gli zii materni della piccola, e con l’assenza per lavoro dello zio Harry.