Che la chirurgia estetica fosse un fenomeno in continua crescita, fino a diventare quasi di massa, si sapeva.

Ma questa notizia, pubblicata sul sito dell’Agi, forse perché collegata al 14 febbraio, festa degli innamorati (e, quindi, almeno in teoria, del romanticismo), ha un sapore inquietante: nel periodo a ridosso di San Valentino, infatti, i nuovi clienti aumentano sensibilmente.

Più nel dettaglio, ecco cosa ha dichiarato Alessandro Gennai, chirurgo plastico di Bologna:

Nel periodo di San valentino ricevo molte richieste di aumento del seno. Di solito è lui che ha deciso di fare un regalo alla sua amata

E si tratta di un regalo non proprio economico, visto che una mastoplastica additiva costa tra i 5 e i 7 mila euro (alla faccia della crisi economica!)

Il chirurgo prosegue raccontando che all’appuntamento si presentano generalmente entrambi i componenti della coppia, e che anche lui partecipa nella scelta di dimensioni e tipo di protesi. Ma non finisce qui:

Nove donne su dieci si raccomandano di non aumentare troppo il seno. Il partner, invece, insiste per aggiungere qualche centimetro in più.

Insomma, proprio un bel quadretto. Del resto, in questo modo, il regalo è sia per lui che per lei: la donna migliora il suo aspetto fisico, l’uomo avrà una donna che risponde di più al suo ideale.

Con buona pace del romanticismo.