Qual è il segreto delle persone magre? Come riescono a essere sempre perfette e a mantenere quei risultati? Semplice: evitano i cibi grassi, non mangiano in maniera smodata, seguono una corretta alimentazione, sono geneticamente predisposti alla magrezza, si vogliono bene e conducono una vita sana ed equilibrata.

Posta così, sembra la classica scoperta dell’acqua calda ma in realtà c’è molto da cui prendere esempio per migliorare la propria forma fisica e soprattutto per imparare a vivere in maniera più serena.

{#Alimenti} come frutta e verdura contengono molta acqua quindi non sono molto calorici e saziano. Le persone magre sono abituate a iniziare i pasti con una bella insalata, così da avere la sensazione di aver già mangiato a sufficienza senza doversi buttare sul cibo.

Le persone magre tendenzialmente non hanno un appetito smodato e difficilmente si riempiranno il piatto fino all’orlo né saranno lì con la bilancia di precisione a contare grammi ed etti. E preferiscono fare cinque pasti leggeri nell’arco della giornata piuttosto che tre pasti luculliani. La colazione è comunque il pasto più importante della giornata e non andrebbe mai saltato.

Una persona magra e in salute sa mettere sé stessa al primo posto e considera prioritario mangiare bene, fare un’attività fisica regolare e ridurre lo stress. I geni c’entrano molto, ovviamente, ma non sono l’unico fattore. Conta di più la famiglia: una persona cresciuta facendo sport e alimentandosi in maniera sana con una dieta equilibrata è difficile che una volta cresciuta lasci andare queste buone abitudini.

E fra queste buone abitudini c’è sicuramente quella di non saltare i pasti e di non costringersi alla fame. Lo stomaco che brontola è il peggior amico della linea, perché rende nervosi e induce a buttarsi sul cibo, fare spuntini e spiluccare qua e là, favorendo alla fine l’impulso a ingozzarsi.

Trovarsi davanti al buffet della tavola calda sotto l’ufficio e vedere una sfilza di piatti uno più invitante dell’altro certo non aiuta. La varietà e la fantasia invogliano a provare, finendo per saziarsi subito di un determinato cibo ma rimanendo ancora affamati di novità per quello che non abbiamo ancora provato.

Questo non vuol dire che alle persone magre non piaccia mangiare. Anche loro si godono il cibo come fanno le persone in sovrappeso ma lo fanno senza sentirsi in colpa per quello che stanno mangiando.

Una persona magra è una persona attiva e farà sicuramente fatica a rimanere seduto oziosamente per un lungo periodo perché è abituata a fare movimento. Camminare, fare yoga, prendere le scale piuttosto che l’ascensore, rimanere in piedi anziché sedersi, tutto concorre a bruciare calorie senza sforzo, in maniera quasi automatica. Il 90 per cento delle persone che riescono a mantenere il proprio peso ideale camminando per andare in ufficio o parcheggiando l’auto più lontano, bruciano le stesse calorie che avrebbero bruciato correndo per un chilometro e mezzo.

Le persone magre sono consapevoli del loro peso e sono abituate a pesarsi regolarmente così, quando si accorgono di essere ingrassate o fuori forma, sanno subito che devono rimettersi a dieta o comunque seguire un regime alimentare diverso e sanno cosa funziona e cosa no, quali esercizi sono davvero utili e quali no,

Quando le buone abitudini sono parte integrante della routine di tutti i giorni non c’è bisogno di star a contare le calorie o sentirsi in colpa per un piatto di patatine fritte.

Fonte RealSimple