Fare carriera al giorno d’oggi richiede una capacità molto peculiare: quella di saper copiare. Se un tempo questo veniva visto come atto di cui vergognarsi, ora sembra assurto ad arte almeno a sentire quel che dice un creativo americano che dispensa consigli a chi vuole conquistare la vetta in ambito lavorativo.

=>LEGGI anche: una spinta alla carriera? Bastano 30 giorni

Si chiama Austin Kleon e si definisce artista, scrittore, esperto di comunicazione, pensiero creativo e visivo, ex bibliotecario, ex web designer ed ex pubblicitario.

I suoi consigli creativi per fare carriera partono dal presupposto che copiare è un’arte e che solo attraverso la sua coltivazione con rigore scientifico e cura professionale, si può arrivare alla meta. Niente improvvisazione quindi ma un piano ben preciso da seguire. Per prima cosa occorre leggere tantissimo soprattutto le opere dello stesso Kleon come quella dal titolo: “Ruba come un artista” in cui l’autore spiega come copiare le idee altrui può aiutare ad essere più creativi ed originali nella vita. I suoi consigli pratici possono essere applicati a qualsiasi tipo di lavoro e si riassumono in 10 punti tanti quanto i capitoli del libro.

=>LEGGI anche: quando un hobby aiuta a far carriera

Il primo titola “ruba come un artista”, si prosegue con “non aspettare di sapere chi sei per cominciare”, “scrivi il libro che vorresti leggere”, “usa le mani”, “hobby e passioni sono importanti”, “il segreto: fai un buon lavoro e condividilo”, “la geografia non la fa più da padrona”, “sii gentile (il mondo è un piccolo paese)”, “sii noioso (è l’unico modo per finire l’opera)”, “la creatività è sottrazione”.

Ma ci si può fidare di questa teoria secondo cui rubare le opere, le idee e i lavori di altri porterebbe ad avere una brillante carriera? Entrano in gioco concetti come il sacrificio, lo studio, l’impegno e l’affidabilità, fondamentali per avere successo in ambito professionale.

=>LEGGI anche: quanto conta il carisma per fare carriera?

A difesa del Signor Kleon si può dire che per lui sembra funzionare la regola del ladro, attualmente infatti il suo impiego consiste nel copiare per conto di colossi come Pixar, Google e The Economist.

Fonte: Il Giornale