Quando si pensa al passionale uomo italiano, la mente non può che soffermarsi sulle calorose spiagge del Sud Italia, simbolo di tanti notti di erotismo fugace tra i virili abitanti del luogo. Ma quel che nell’immaginario comune è diventato il “maschio italico” rischia di trasformarsi in un vetusto stereotipo. Per quale motivo? È molto semplice: una recente ricerca ha dimostrato come il miglior sesso dello Stivale si pratichi in Val D’Aosta.

Sarà forse complice il clima gelido dell’inverno e il fresco dell’estate a spingere gli abitanti della regione nordica a rimanere chiusi in casa, e precisamente sotto le lenzuola, ma pare proprio che le regioni settentrionali abbiano un approccio più aperto e soddisfacente alla sessualità.

Lo svela una survey di AstraRicerche, recentemente pubblicata da Ansa, che riporta come oltre l’84% dei valdostani, seguiti a ruota da piemontesi e lombardi, ritenga il {#sesso} un componente essenziale per il raggiungimento della felicità.

Questo primo dato, tuttavia, non spiega perché fra le Alpi gli amplessi siano più soddisfacenti. La motivazione è altrettanto semplice quanto le precedenti: in queste regioni, l’appagamento sessuale è vissuto dalla {#coppia} nel suo complesso e i partner cercano di essere paritari nelle scelte erotiche all’interno di una relazione.

Il 51% dei valdostani, infatti, afferma di decidere sempre insieme alla compagna quando, e con quali modalità, fare l’amore, senza alcuna pressione reciproca. Alimentando la complicità della coppia, i rapporti sessuali diventano davvero scoppiettanti, tanto che il 57% degli intervistati afferma di non provare stress, tensioni o stanchezza per quanto riguarda la gestione della sessualità. Chi l’avrebbe mai detto che le nevi fossero così calorose?

Fonte: Ansa