Fare sesso ha molti lati positivi: tralasciando il piacere fisico, permette di ridurre lo stress e migliorare notevolmente l’umore. Il rilascio di ossitocina, infatti, consente di sentirsi meglio fisicamente, oltre che più apprezzati in società.

Ma fino a ora, nessuno aveva ancora approfondito gli effetti benefici che il sesso ha sul sonno. Secondo un sondaggio americano, il 70% delle donne si dichiara “troppo stanca” per adempiere ai propri doveri di coniugali. Tuttavia, la rivista “Sleep Medicine” ha riportato un caso di sindrome da gambe affaticate curato con una terapia alquanto sorprendente: un’intensa attività sessuale.

Galleria di immagini: Problemi del sonno

Tale sindrome, di cui è affetta circa l’8% della popolazione mondiale, porta spesso a dolori alle articolazioni a qualsiasi ora del giorno e della notte. Gli effetti peggiorano quando si assume una posizione distesa, quindi sembra impossibile addormentarsi rischiando di passare diverse notti insonni.

Una possibile soluzione farmacologica al problema esiste ma nonostante la sua efficacia, gli effetti collaterali non sono affatto trascurabili. Per questo motivo i ricercatori hanno tentato altri approcci fino a trovare nel sesso un importante aiuto per le persone che soffrono di questa patologia.

Ad aiutare il sonno non sarebbero solo le sensazioni provate durante l’atto sessuale ma un insieme di emozioni relative al desiderio di intimità, al piacere, all’importanza di socializzare e soprattutto al rilascio completamente naturale di dopamine e ossitocine.

Nonostante il sesso sia la panacea per quanto riguarda la cura del sonno, tale soluzione risulta spesso inapplicabile per la maggior parte delle persone. Le ragioni sono le più svariate ma principalmente si possono riassumere in tre punti.

Il tempo gioca un ruolo fondamentale nel consumare un rapporto sessuale: non si può ripetere il rapporto troppo spesso perché ogni essere umano ha bisogno dei suoi tempi di pausa. In altre parole, il concetto stesso di riposo è collegato al rapporto sessuale e non può prescindere da esso.

Anche la mancanza di spazio si rileva un vero e proprio problema nel seguire la cura del sonno attraverso pratiche sessuali ma la maggior parte delle persone rinuncia per non togliere attenzione ai propri figli, che spesso necessitano di cure continue perché piccoli o troppo vivaci.