Altro che casalighe: in America le donne lavorano e portano a casa uno stipendio più alto del marito. Saranno gli uomini, a breve, a dover chiedere la parità fra i generi?

Si tratta ovviamente di una provocazione. E poi parliamo dell’America, in Italia siamo ben lontane dalla parità salariale nel mondo del lavoro, tantomeno per quanto riguarda la possibilità di raggiungere posti apicali nelle aziende.

Una ricerca del Pew Research Center, invece, conferma che negli USA una moglie su cinque guadagna più del marito.

Il campione di riferimento della ricerca riguarda donne tra i 30 e i 44 anni. In 22 famiglie americane su 100 è la donna a portare a casa uno stipendio più alto. Tutto ciò ha comportato due grandi rivoluzioni.

La prima attiene le conseguenze sociali e gli stili di vita. La seconda la sfera dell’educazione: il numero delle donne con istruzione superiore supera quello degli uomini.

Il confronto è ancor più netto ed evidente, se i dati vengono paragonati con le statistiche degli anni ’70. I ricercatori sostengono che fino a quarant’anni fa, in una coppia sposata, solo il 4 per cento delle donne guadagnava più degli uomini; oggi quella percentuale sfiora il 22 per cento.

Anche per i livelli di istruzione valgono le stesse regole. Negli anni ’70 il 28 percento degli uomini aveva studiato più delle donne, ora la percentuale è scesa al 19 percento.