La cucina è un arte e il cibo è la sua ispirazione. Ma è la cuoca la vera artista che sa tirar fuori da semplici elementi naturali un piatto che merita di essere servito a tavola alle persone più care.

Come ogni madre di famiglia sa, ogni sera si ripresenta il problema di cosa cucinare. E a meno che non si abbia un marito chef, l’arte del cibo deve venire dalla fantasia e dal cuore della donna, che tuttavia si può ispirare dalle foodblogger, sempre pronte a suggerire qualcosa di nuovo da mettere in tavola.

=> Scopri le idee per ricette per un ospite straniero

Si può iniziare da un piatto di polpette di melanzane light, da cuocere al forno. Sono sufficienti 2 melanzane medie, un pizzico di sale, e un pizzico di pepe, olio evo, formaggio parmigiano grattugiato e 5 o 6 fette di pancarré. Aggiungere poi un uovo, un po’ di menta e del prezzemolo. Tutto deve essere ridotto in briciole molto sottili e disposto in una teglia coperta da carta da forno prima di metterle in un forno preriscaldato a 200 gradi e lasciarle cuocere per un quarto d’ora.

Dopodiché, girare le melanzane e rimettere in forno per una decina di minuti. Una volta estratte e lasciate raffreddare, si devono tagliare a cubetti e mettere in una ciotola. Solo a questo punto bisogna inserire un uovo, metà del pane e le erbe aromatiche: tutto va impastato fino a formare delle polpette che vanno rimesse nella teglia con un po’ d’olio sopra per circa 20 minuti. Un piccolo consiglio: nel forno riporre una ciotolina di acqua che crei umidità.

La seconda possibilità? Delle crocchette di merluzzo al forno. Si inizia con 350 grammi di patate che vanno bollite con la buccia per poi schiacciarle ancora calde. Una volta raffreddato il purè, bollire mezzo chilo di filetti di merluzzo in acqua aromatizzata con grani di pepe nero, gambetti di prezzemolo, mezza cipolla e qualche fettina di limone. Tempo massimo: non più di 10 o 12 minuti. Dopodiché, scolarli e lasciare intiepidire, poi tritarli.

=> Scopri le spezie e le erbe per ogni ricetta

Trasferire il tutto il merluzzo e il purè di patate e aggiungerci prezzemolo tritato con poco aglio, un pizzico di sale e di pepe, un po’ di noce moscata, uno o due uova e un po’ di parmigiano grattugiato. Dopo aver amalgamato formare delle piccole palline con un po’ di impasto. Tritare la mollica di circa 1 etto di pancarré insieme al parmigiano e al prezzemolo, con cui poi si dovrà impanare le crocchette. Il tutto va messo in una teglia foderata di carta da forno e cotto per una ventina di minuti.

Le crocchette ottenute si possono accompagnare con salsa di yogurt greco, sale, pepe, olio, qualche goccia di limone e foglie di menta. In aggiunta – e a discrezione – si possono utilizzare anche maionese allo yogurt con un po’ di paprika o salsa tartara.