La cucina spagnola è rinomata in tutto il mondo per i suoi sapori forti e decisi, per le tapas stuzzicanti, per le cromie vivaci e accese dei piatti: pensiamo ad esempio al giallo intenso della paella o al rosso aranciato del gazpacho. Per dare un sapore spagnolo alle vostre ricette in cucina, potete utilizzare alcuni ingredienti tipici di questa tradizione culinaria, ispirandovi ai piatti spagnoli più famosi. Vediamo quali.

Il riso spagnolo – spesso chiamato “riso di Valencia” perché proprio questa città ha dato i natali alla famosa paella – è un varietà a grano molto piccolo che assorbe molto bene i sapori degli altri ingredienti. È la qualità di riso ideale per preparare la paella, che sia di marisco oppure a base di carne e verdure, come quella valenciana.

Il Pimentón de la Vera è una varietà di peperoncino molto rinomata nella cucina spagnola. Viene raccolta a mano, macinata in mulini a pietra e infine fatta essiccare a fumo su braci di legno di quercia che conferiscono a questa spezia il caratteristico sapore “affumicato”, rendendola completamente diversa dal “normale” peperoncino che siamo abituati a usare in Italia. Particolarmente impiegata nella cucina della zona del País Vasco.

Fondamentale per speziare e dare una nota di colore alle portate è lo zafferano, piuttosto diffuso anche da noi in Italia. In Spagna se ne fa molto uso, soprattutto considerato che la penisola iberica ne è uno dei maggiori produttori al mondo.

Il jamòn serrano (letteralmente, “prosciutto di montagna”) è un prosciutto ottenuto dall’essiccazione e la salatura delle zampe posteriori del maiale. Molto diffuso in tutta la Spagna, ha un sapore delicato, ottimo da accompagnare a zuppe di verdura o da consumare solo con il pane. Il chorizo è invece un tipo di salsiccia tradizionale, diffusa soprattutto nell’area della Castilla. Si ottiene da carne bovina o di maiala aromatizzata con spezie e paprika, che conferiscono il tipico colore rossastro molto diverso da quello delle salsicce nostrane. Il chorizo è ottimo da servire come antipasto spagnolo o per preparare delle saporite tapas.

In Catalogna è molto diffuso l’utilizzo in {#cucina} di frutta secca come mandorle, pinoli e nocciole, utilizzate per preparare gustose salse da accompagnare ai piatti. Come la salsa de romesco, a base di peperoni, mandorle, pepe di Cayenna e aceto di sherry, uno dei più pregiati al mondo.

Con semplici ingredienti della {#cucina italiana} come peperoni, pomodori, cetrioli, cipolla ed erbe aromatiche potete preparare una zuppa fredda chiamata gazpacho, uno dei piatti più diffusi in tutta la Spagna. Ne esistono numerosissime varianti, ma tutte sono accomunate dal medesimo colore rosso aranciato. Nelle regioni più calde della Spagna non è raro servirlo con dei cubetti di ghiaccio all’interno per renderlo ancora più rinfrescante.

Fonte: Cooking Light.