Li abbiamo visti per tutta l’estate su La7 ad intervistare molti dei volti noti della politica italiana. I due giornalisti, Luisella Costamagna e Luca Telese, conduttori di “In Onda“, non hanno mai fatto mistero del loro rapporto d’amore e odio che, per uno spettatore attento, si è potuto notare in più di un’occasione.

Non a caso, a chi gli rivolgeva la fatidica domanda sul tipo di rapporto che li univa, rispondevano ironicamente di essere come Sandra Mondaini e Raimondo Vianello.

Galleria di immagini: In onda

Adesso però i due sono arrivati ai ferri corti e i motivi sono visibili a tutti coloro che sintonizzatisi su La7, sulle sedie del programma vedranno seduto solo Telese al fianco del vicedirettore de “Il Giornale”, Nicola Porro. Naturalmente le reazioni dei fan della Costamagna sono prontamente arrivate sul blog del giornalista del “Fatto Quotidiano”, in cui molti telespettatori hanno criticato la scelta di mandare via la giornalista, ipotizzando una possibile censura:

“La rete ha sostenuto che un programma con due conduttori si giustificava se c’erano due punti di vista diversi. Il che vuol dire che potevano togliere sia me che Luisella. Hanno scelto di togliere lei, e di proporle un’altra cosa. Luisella si è arrabbiata (lo capisco) e non ha ancora deciso se accetterà o meno. Non c’è nessuna motivazione “politica”, nella sua sostituzione”.

E a chi gli chiede se in realtà i rapporti tra lui e la sua collega fossero buoni, il giornalista incalza:

“Sì, è vero. Ci sono state divergenze, momenti belli, e anche litigi. Ma questo non mi ha impedito di fare con lei centottanta puntate (praticamente una coppia di fatto!)”.

Eppure per l’ex discepola di Michele Santoro, le parole di Luca Telese sarebbero solo menzogne:

“L’unica cosa che voglio dire è che ciò che ha scritto è falso. Non sono arrabbiata, ma semplicemente seria; e non sto riflettendo su un’offerta de La7, ma sto aspettando che La7 mi faccia un’offerta degna di questo nome. Diversamente farò altro. Ciascuno parli per sé e – se ne ha una – per la sua coscienza”.

Fonte: Il Fatto Quotidiano