Durante la bella stagione uomini e donne di tutte le età invadono le spiagge per sfruttare il caldo sole atteso per tutto l’anno, molto spesso facendo a gara per sfoggiare la tintarella più intensa, che sarà invidiata da tutti al rientro in ufficio dopo le ferie. Ma parlando in particolare di {#uomini}, come si definisce lo stile di un uomo in spiaggia? Soprattutto, quali sono gli errori più comuni che il sesso forte si ostina a ripetere ogni anno nonostante siano considerati imperdonabili dalle donne?

Galleria di immagini: In & out uomini al mare

Prima di tutto, se si parla di mare, si parla di costumi, e nonostante la maggior parte degli uomini non si preoccupi minimamente della prova costume tanto temuta invece dal sesso femminile, che sia slip, boxer o pantaloncino, agli uomini non interessa. Solitamente chi indossa gli slip è fanatico dell’abbronzatura e cerca quindi di scoprire la stragrande maggioranza del corpo indossando il minimo indispensabile. Lo slip però è il nocciolo di molte questioni e di discussioni da parte delle donne. Molte considerano lo slip come uno strumento per mettere in mostra le loro “doti” e farsi quindi rimirare. Qui i pareri si dividono tra chi non sopporta questo tipo di costume e chi, invece, lo preferisce perché anche l’occhio vuole la sua parte. Chiaramente poi bisogna tenere anche in conto il fattore età, che provoca reazioni pro e contro. Per stare tranquilli, un costume a pantaloncino è l’ideale per la sicurezza del sesso maschile. Liberi dalla paura dei giudizi e liberi dalla paura che qualcosa di troppo scappi all’aria aperta.

Una questione molto importante è quella dei peli superflui sul corpo. Le donne, si sa, prima di mostrarsi in spiaggia prenotano una super ceretta integrale in modo da essere sicure di apparire al meglio. Gli uomini, invece, si distinguono in due tipi: coloro che credono che la peluria sia simbolo di virilità e coloro che preferiscono radersi del tutto. Il giusto, secondo una donna, sta a metà. Troppo pelo sul corpo non viene considerato sexy dal sesso femminile, soprattutto sul petto. Le zone off-limits sono proprio il petto e la schiena. Mentre le parti che possono anche passare inosservate all’occhio di una donna sono le gambe e le braccia.

Impensabili e assolutamente out sono invece i sandali indossati con le calze. Per fortuna l’uomo italiano di solito non si diletta in questa opera, molto più spesso capita invece di vedere tale orrore su uomini stranieri. Altro errore molto comune in cui anche l’uomo italiano casca è indossare le scarpe senza calze. A parte il fatto che non è un toccasana per il piede, che con le alte temperature e la plastica all’interno rischia di produrre odori sgradevoli, si tratta di un’accoppiata antiestetica. Inoltre, sempre in questo ambito, è molto importante la cura dei piedi. Dei piedi curati sono sempre preferiti dalle donne, che non amano unghie lunghe o dita pelose. Per evitare di sbagliare, un bel paio di infradito con dei piedi curati costituiscono un colpo sicuro.

Per quanto riguarda invece il pareo, molto utilizzato durante la stagione estiva, se si vuole indossarlo bisogna farlo con cautela. Ciò significa che utilizzarlo in modo goffo solo perché “cool” è una strategia perdente. Solitamente l’uomo non lo porta come la donna, legato in vita, ma per esempio attorcigliato intorno alla testa come copricapo per ripararsi dal sole. Per portarlo ci vuole comunque un certo stile, quindi se non si è sicuri dei risultati, meglio evitare.

Altro elemento di disturbo nell’aspetto di un uomo in spiaggia sono i gioielli. In spiaggia non si portano normalmente collane, orecchini, bracciali, anelli. Sia per il fatto che potrebbero rovinarsi a contatto con la sabbia o con l’acqua, sia per il fatto che tutto quello che bisogna fare è abbronzarsi, e l’aspetto non sarà migliore portando un anello piuttosto che una collana.

Per ultimo si prenda in considerazione anche il comportamento di un uomo in spiaggia. Non serve camminare avanti e indietro sul bagnasciuga con tutti i muscoli del corpo tirati in modo da mostrare gli addominali o le vene in rilievo sulle braccia. Facendo così gli uomini si ridicolizzano, perché è trasparente il loro obiettivo di mettersi in mostra davanti al sesso femminile. Moltissimi uomini si atteggiano in questo modo, ma vengono dimenticati immediatamente perché, subito dopo, ci sarà un giovane pronto a fare la stessa cosa. Una ragazza rimarrà molto più impressionata nello scovare un appartenente del sesso opposto intento a leggere un libro, a patto che li stia facendo veramente.