Hai mai pensato di fare le vacanze con un viaggio organizzato? I pacchetti turistici, tutto compreso e i viaggi organizzati, ti eviteranno tanti problemi durante il viaggio. Alcune famiglie trovano questa soluzione particolarmente positiva, soprattutto se ci si reca in paesi dove può essere difficile comunicare.

Poter contare su una guida locale o su una struttura, contattata in precedenza e anche in anticipo, che comprenda spostamenti, alloggi e pasti, ti lascerà maggior tempo libero e renderà ancora più piacevole l’esperienza di viaggio con il tuo bambino. Le agenzie di viaggio e altre strutture turistiche potranno consigliare dei programmi di viaggio individuali, secondo le esigenze di ciascuna famiglia. Oppure organizzeranno il viaggio in tutti i suoi dettagli.

L’alternativa meno indicata, quando ci si sposta con dei bambini, è un viaggio di gruppo. Alcuni programmi non accettano la presenza dei minori, ma anche in caso contrario, i ritmi potrebbero essere troppo stancanti per il tuo bambino. Occorre inoltre tener presente tutti i dettagli del programma di viaggio, anche le parti scritte in carattere minuscolo, per poi richiedere, eventualmente e con il dovuto anticipo, dei servizi speciali di cui si potrebbe aver bisogno: la culla, il seggiolino per gli spostamenti, orario elastico per tutti i piatti, ecc…

Se decidi di andare al mare…

Comincia a pensare come puoi proteggere al meglio la pelle del tuo bambino dal sole. Poiché la pelle di un bambino può bruciare in pochi minuti, la prima forma di difesa dovrebbe essere un abbigliamento adeguato e stare all’ombra. Esci sempre con un ombrellino parasole, facendo mettere al bimbo un cappellino con le falde leggermente larghe. Gli indumenti scuri e aderenti proteggono di più il bambino, rispetto a quelli ampi e chiari. Ovviamente anche una crema solare protettiva è fondamentale. Preferisci quelle con il filtro protettivo più elevato e riapplica la crema ogni due ore.

Se vai all’estero con il bambino…

Cerca di evitare l’acqua del rubinetto e, se è possibile, anche la carne, per non correre rischi di gastroenterite. Se il tuo bambino beve ancora il latte artificiale, porta con te lo sterilizzatore e dei cartoni di latte artificiale già pronto per l’uso. E se tuo figlio avesse un’infezione alla pancia, cerca di farlo bere molto, specialmente l’acqua con una soluzione salina per reidratarlo.

Sarebbe meglio evitare i paesi in cui c’è il rischio di malaria e di altre malattie tropicali. I bambini possono essere vaccinati per l’epatite A dai 12 mesi e per il tifo dai due anni, ma sarebbe meglio non utilizzare i prodotti repellenti contro gli insetti, perché contengono pesticidi. Nei luoghi in cui c’è il rischio di malaria, puoi utilizzare dei repellenti come le candele di citronella. Prima di prenotare la tua vacanza, chiedi sempre consiglio al pediatra. E comunque non è il caso di avventurasi in paesi lontani con un bambino così piccolo. Pensaci…