Gli incontri online sono ormai così diffusi da risultare familiari quasi quanto i selfie, tanto da essere diventati ormai oggetto di studio e di analisi per sociologi, psicologi e scienziati. Ebbene, se è vero che in un futuro prossimo il cosiddetto dating online diventerà il metodo tradizionale di incontro fra single, come sostiene una previsione di cui abbiamo già parlato, allora sarà altrettanto vero che le coppie di domani si lasceranno più di quelle di oggi e di ieri.

Un nuovo studio sul tema infatti, condotto negli USA, ci dimostra come le relazioni nate da incontri internettiani siano più soggette alla rottura rispetto a quelle più tradizionali, conosciutesi “offline”. Il modo di conoscersi può davvero essere la causa della buona riuscita di una relazione?

Solo qualche anno fa, quando gli incontri online cominciavano a non essere più guardati come un’invasione aliena, si sosteneva il contrario: le relazioni nate dal dating online davano prova di durare più a lungo e meglio; il motivo principale era da ricercarsi nel fatto che, conoscendosi prima interiormente piuttosto che fisicamente, si finiva per apprezzare di più la persona piuttosto che il suo involucro. E questo era un principio base per l’autenticità di una storia importante.

Ora, vorrei sapere, cosa sarebbe successo a questa interiorità tutta cyber, che entusiasticamente dava uno slancio al dating online? Cosa non funzionerebbe nelle relazioni nate dal cyberspazio rispetto a quelle “tradizionali”?

Come sostiene Brenda K. Wiederhold, del Virtual Reality Medical Institute di Bruxelles e dell’Interactive Media Institute di San Diego, alla base di una relazione rimangono sempre la fiducia e il grado di intimità, indipendentemente dal modo in cui ci si è conosciuti. Dunque, nonostante le statistiche possano far pensare diversamente, io credo che il dating online non influisca poi così tanto sulla qualità di un rapporto (sarò troppo di parte?).

Tuttavia, se le reazioni al primo appuntamento dopo una conoscenza online sono tutte come quelle rilevate da questo esperimento sociale, allora potrei rivedere la mia posizione….

photo credit: Mike Licht, NotionsCapital.com via photopin cc