Sembra una puntata della saga “The Vampires Diaries” eppure non c’è nulla di affascinante e romantico nella vicenda che ha coinvolto una donna del Madhya Pradesh, nell’India Centrale.

I protagonisti non sono nemmeno Bella ed Edward di “{#Twilight}”, ma una moglie e un marito dalle abitudini bizzarre e malsane. Convinto delle potenzialità tonificanti del sangue della compagna, l’uomo la costringeva a sottomettersi al suo volere e alla necessità di berne il liquido rosso.

Galleria di immagini: Vampiri in India

Niente a che vedere con canini aguzzi e morsi sul collo, ma una più comoda siringa con la quale l’uomo, bracciante agricolo, estraeva il sangue dal braccio della moglie. E una volta versato nel bicchiere lo sorseggiava compiaciuto.

Il rituale assurdo si ripeteva da più di tre anni, il marito costringeva la moglie a mantenere il segreto attraverso il silenzio più assoluto. E per convincerla la picchiava selvaggiamente, praticando su di lei un abuso fisico e psicologico.

La dieta liquida non si è interrotta nemmeno quando la moglie è rimasta incinta, e quando la giovane 22enne ha provato a opporsi è stata picchiata con ferocia. Ma lei sempre più stanca e debilitata, a causa della gravidanza e dei prelievi continui, ha trovato il coraggio di ribellarsi raccontando il fatto ai genitori, e sporgendo denuncia.

Appresa la notizia l’uomo è riuscito a fuggire prima che la polizia lo raggiungesse, dandosi alla macchia e alla latitanza.