Da un nuovo studio condotto dall’Institut Marques de Barcelona è emerso un dato molto interessante sulla causa dell’infertilità femminile. Il fattore incriminato è l’inquinamento dell’aria, notoriamente dannoso per la salute dell’uomo e anche delle specie animali.

Ma la ricerca è andata più a fondo sui danni provocati dell’inquinamento e, attraverso il monitoraggio di un campione di donne sotto i 40 anni che si erano rivolte al reparto di riproduzione assistita dell’Istituto Infertilità femminile, ha accertato un danno ancora maggiore che potrebbe portare all’estinzione della procreazione senza gli opportuni provvedimenti.

In sintesi, c’è un rapporto inversamente proporzionale fra l’inquinamento e la fertilità femminile: quanto più è inquinato l’ambiente in cui la donna vive tanto minori sono le sue possibilità di procreare. In un ambiente altamente inquinato come quello in cui viviamo oggi la maternità è a forte rischio e per molte donne potrebbe essere un sogno irrealizzabile quello di avere un figlio.

La direttrice del reparto, Marisa Lopez-Teijon, già da diversi anni aveva scoperto il forte rapporto tra l’inquinamento ambientale e i problemi di fecondità in pazienti maschi. Ora conducendo la stessa analisi sulle donne, ha scoperto che l’80% del campione monitorato con mestruazioni regolari non riesce a procreare a causa di tossine o altre sostanze inquinanti accumulate nel proprio corpo attraverso gli anni.

Solo per il 20% le cause dell’infertilità femminile risalirebbero a fattori genetici, mentre il restante 80% avrebbe motivi decisamente ambientali. Lo studio dell’Institut Marques, inoltre, ha appurato che il rapporto tra inquinamento e fertilità è addirittura prenatale. Si creano cioè in anteprima, ovvero già prima della sua nascita, i presupposti dell’infertilità di una donna: se la madre è esposta a fattori altamente inquinanti, infatti, nel suo grasso si accumulano le sostanze tossiche che poi vengono trasmesse al feto femmina durante la gestazione.

In sintesi, la figlia di una madre esposta ad agenti inquinanti ha il destino segnato già al momento della sua nascita: quando, da adulta, cercherà di avere un figlio molto probabilmente avrà delle difficoltà. Un dato affatto confortante per le generazioni future, al quale si aggiunge la stretta correlazione scoperta dallo stesso studio tra inquinamento e infertilità maschile cui abbiamo già accennato.

Fonte: AGI Salute