Secondo un recente studio, un giovane su tre in Italia risulta essere insoddisfatto del sesso, ma quali sono le ragioni? I nemici principali dei rapporti sembrano essere paradossalmente proprio quei social network che dovrebbero favorirli, ma tra le cause ci sono anche alcool e telefonino.

Sembra proprio che le nuove tecnologie distruggano il desiderio sessuale, visto che il tempo passato su Facebook e Internet viene considerato dannoso per i rapporti dai ginecologi e sessuologi della Sigo che hanno presentato i risultati della loro indagine “Scegli tu” proprio alla vigilia di San Valentino.

Galleria di immagini: flirt

Da questo studio emerge anche come un giovane maschio italiano su due beva per migliorare le proprie prestazioni a letto, ottenendo però esattamente l’effetto opposto. Ma anche le giovani donne non sembrano molto soddisfatte, visto che una su quattro ha un cronico calo di desiderio, una su cinque prova dolore nel corso dei rapporti e addirittura più del 40% hanno contratto un malattia sessualmente trasmissibile.

Come soluzioni a una vita sessuale che dunque viene vissuta in maniera problematica dai giovani italiani, il consiglio dei sessuologi è dunque quello di dedicare meno tempo alle attività su computer e telefonino e dedicarsi invece allo sport e a una condotta di vita salutare, che escluda alcool e fumo. Come spiega Alessandra Graziottin, direttore di ginecologia e sessuologia al San Raffaele Resnati di Milano, gli stili di vita troppo sedentari:

fanno spesso nascere i problemi sessuali, arrivando a comportamenti sottovalutati o addirittura erroneamente scambiati come “amici” dell’eros. È il caso dell’alcol: per il 63% dei maschi e il 51% delle femmine rappresenta un aiuto efficace. Invece, quando se ne abusa, causa impotenza e calo della libido, oltre ad aumentare soprattutto nelle donne il rischio di rapporti precoci, non protetti e subiti. […]  Quattro uomini su dieci dicono di mangiare abitualmente cibi non sani, e solo il 31% pratica sport con continuità. Fra le donne questo dato è ancora peggiore, appena una su quattro.