Involtino è un nome generico per indicare in cucina un quantitativo di ricette imprecisate o imprecisabili. Anche il sushi, volendo, è un involtino, fatto con alga nori, riso, wasabi e qualunque altro ingrediente, pesce o verdure si desideri inserire nel proprio roll. Quello di creare un ripieno è infatti un intelligente escamotage per creare molti piatti ricchi di gusto. Certo le ricette più celebri e più utilizzate privilegiano la presenza della carne, ma ci sono anche delle interessanti variabili vegetariane.

Si parta dalle ricette degli involtini di carne: questi possono prevedere uno strato sottile ma non troppo di fettina di vitello tagliata secondo le dimensioni desiderate: il ripieno classico prevede salumi, formaggi e un po’ di prezzemolo, ma si può arricchire l’involtino con mozzarella oppure peperoni, melanzane, pomodori, zucchine o altre verdure che si prestano all’utilizzo. In alcune regioni d’Italia si utilizzano gli involtini di interiora, realizzati interamente con interiora di animali: come gli involtini di agnello che mettono insieme cuore, fegato, gli immancabili prezzemolo e pepe nero, e il budello dell’agnello per chiudere il tutto.

=> SCOPRI altre ricette di secondi piatti

Non solo secondi: l’escamotage dell’involtino può essere asservito all’antipasto. Si prenda ad esempio il rotolo di mozzarella, che può essere arricchito di tonno, rucola, carote e rape sottaceto, funghi e chi più ne ha più ne metta. Quando lo si prepara è fondamentale l’utilizzo di un formaggio grattugiato che fa da collante a tutto, in modo da evitare che il proprio rotolo si apra. Consigliabili, analogamente gli involtini di pasta sfoglia, il cui interno si può preparare a proprio piacimento, ma anche gli involtini primavera, una classica ricetta cinese, che però non si allontana quasi mai dai dettami ufficiali della cucina etnica standard.

Da non dimenticare, gli involtini vegetariani: per realizzarli basta munirsi di ortaggi che possano essere tagliati longitudinalmente, come zucchine, cetrioli, peperoni e melanzane. Queste verdure, dopo il lavaggio e il taglio, vanno arrostite in modo da poter essere grigliate. Infine, dopo aver scelto il ripieno, che deve essere rigorosamente vegetariano (altre verdure come il pomodoro o la carota, tofu, formaggi spalmabili, funghi, mozzarella, una spalmata di maionese, e molto altro), si arrotola il tutto e si chiude con uno stuzzicadenti. E l’involtino è pronto per finire nella pancia.

=> Scopri le ricette di antipasti di terra