Michelle Obama, la moglie del Presidente degli Stati Uniti in carica Barack Obama, ha ricevuto parecchie critiche all’indomani della sua partecipazione alla notte degli Oscar. La First Lady ha annunciato il premio più importante, quello di miglior film andato a Argo di Ben Affleck, non senza scatenare però varie polemiche.

=> Scopri le sorprese agli Oscar 2013

Galleria di immagini: Oscar 2013: vincitori e red carpet

La moglie di Barack Obama, Michelle Obama, ha suscitato varie reazioni internazionali per aver partecipato agli Oscar 2013. Nonostante abbia fatto l’annuncio in collegamento dalla Casa Bianca, e non a Los Angeles dove si teneva l’evento, la sua apparizione non è stata gradita da tutti.

I Repubblicani hanno infatti criticato la sua partecipazione alla notte degli Oscar, definendolo un atto di “puro esibizionismo”. Alla First Lady è stato inoltre contestato il fatto di aver usato con lei dei militari per fare propaganda. Sul Washington Post è poi uscito un articolo intitolato “Può una First Lady avere un ruolo da star?”, in cui il giornale si interroga sulla questione:

«L’apparizione di Michelle Obama agli Oscar per puro piacere ha creato confusione sia tra i suoi fan che tra i suoi detrattori. È questo che Michelle Obama intende per liberarsi dalle pressioni della campagna elettorale? Seguire liberamente i suoi capricci senza preoccuparsi delle conseguenze?»

=> Leggi della love story tra Michelle e Barack Obama

Differente la reazione in Iran, dove i media hanno giudicato Michelle Obama vestita in maniera troppo sexy agli Oscar e hanno alterato digitalmente le immagini che la vedono impegnata all’evento. L’agenzia di stampa Fars ha infatti proposto un’immagine alterata in cui Michelle indossa un abito con le spalle coperte.

Fonte: Il Secolo XIX