La crisi economica purtroppo non si appresta a terminare e la spesa degli italiani continua a risentirne: secondo l’Istat, nel mese di settembre si sono verificati rincari del 4,7% sui prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza.

Nel mese di agosto si era già verificato un aumento del 4,2% sui prodotti per la spesa, percentuale che dunque è in rialzo anche nel mese di settembre. L’inflazione acquisita per il 2012 si conferma al 3%, mentre l’inflazione di fondo, calcolata al netto dei beni e degli alimentari freschi, scende all’1,9% dal 2,1% di agosto.

Nello specifico, sono in aumento prodotti alimentari e bevande alcoliche, ma anche i servizi di ristorazione dove sempre più italiani trascorrono la pausa pranzo o la cena dopo una giornata ricca di impegni.

Solo nel settore alimentare, gli aumenti nella spesa peseranno per 263 euro a famiglia, secondo i calcoli effettuati da Adusbef e Federconsumatori:

In questo modo non si può più andare avanti: i danni per i bilanci delle famiglie e per l’intera economia sono sempre più preoccupanti. Basti pensare che, secondo le stime effettuate dall’Onf è emerso che la caduta reale dei consumi nel 2012 pari al -5%, con una riduzione di spesa di 35,5 miliardi.