Italy: Love it or Leave it”, nuovo film-docu di Gustav Hofer e Luca Ragazzi, sta finalmente iniziando a prendere piede nelle sale cinematografiche italiane dopo la presentazione su Rai Tre dello scorso settembre. A partire da oggi 4 gennaio, la pellicola che si è portata a casa il premio del pubblico e quello per il miglior lungometraggio all’ultimo Milano Film Festival ricomincerà infatti il suo tour in giro per il bel Paese a partire da Roma fino a Capalbio, Ferrara e Bologna in attesa di sbarcare in Europa dove toccherà alcune importanti città tra cui Nantes, Helsinki e Stoccolma.

Galleria di immagini: Italy: Love It or Leave It

Oltre al successo al festival milanese, “Italy: Love it or Leave it” può vantarsi di essere il primo film reperibile legalmente su Internet contemporaneamente alla presenza nelle sale: la pellicola è infatti già disponibile su iTunes al prezzo di 2,99 euro per il noleggio, 3,99 per la versione HD, o a 7,99 per la vendita. Un vero passo avanti per il cinema indipendente, capace così di raggiungere in maniera capillare il pubblico saltando completamente il difficoltoso passaggio della distribuzione, spesso ostacolo insormontabile per le piccole e medie produzioni.

Luca (Ragazzi) e Gustav (Hofer), due ragazzi italiani soffocati dalle precarie condizioni lavorative, sono alle prese con la drastica decisione di abbandonare la terra natìa alla volta dell’estero come hanno già fatto molti dei loro coetanei. Sebbene Gustav sia certo che la partenza sia l’unico modo per costruire un futuro migliore mentre Luca crede ancora nelle potenzialità del paese, una nazione ancora piena di buoni motivi per rimanere a combattere, e proprio per questo vorrebbe convincerlo a restare. È così che decidono di prendersi un periodo di sei mesi, tutti vissuti a bordo della loro vecchia Fiat 500, per decidere cosa fare: in giro per l’Italia, ascoltando le storie e raccogliendo le testimonianze di chi è partito e di chi, nonostante tutte le difficoltà, ha deciso di restare.

A tre anni da “Improvvisamente l’inverno scorso”, documentario autobiografico sul tema dell'{#omosessualità} e delle unioni di fatto, Hofer e Ragazzi tornano con un interessante spaccato della condizione attuale dell’Italia, mostrando un paese profondamente diviso. È un ritratto forte questo viaggio on the road, un vero e proprio mix tra un ritratto affettuoso e romantico verso la propria nazione e un pungente attacco a quello che è stato definito uno dei periodi più neri della storia recente.

È evidente il gioco tra le due parti, rappresentate dagli stessi protagonisti, vissuto sempre sotto una luce ironica e gradevole senza per questo perdere di vista la serietà della situazione politica e sociale, analizzata in maniera estremamente lucida. Divertente è anche la scelta degli intermezzi animati che sostengono le voci fuori campo, donando un’ulteriore sferzata di vitalità a una pellicola ben realizzata.

Non manca neanche il finale a sorpresa a “Italy: Love it or Leave it”, un documentario che prende le distanze dallo stile tipico del genere, mescolando egregiamente tutti gli ingredienti in un mix particolarmente gustoso. Resta dunque una sola cosa da fare: scegliere se rimanere o andare via, ma questa è un’altra storia.