Non è insolito sentirsi stanchi e irritabili, soffrire di disturbi del sonno, tachicardia e sudorazione eccessiva al rientro delle vacanze. Questi sintomi, infatti, sono piuttosto comuni e colpiscono addirittura un italiano su due: si tratta di un disagio fisiologico, che passa però in un paio di giorni, e che viene chiamato jet-lag sociale.

Non c’è dunque da preoccuparsi perché questo è un periodo necessario al nostro corpo per adattarsi, o riadattarsi in questo caso, a certe condizioni. Ogni situazione nuova infatti comporta un certo sforzo al nostro corpo e ovviamente anche la vacanza, per quanto sia piacevole e serva proprio a prendersi un periodo di pausa dal solito stress quotidiano, non è esente da determinate conseguenze.

Ciò appena affermato è quanto emerso da un recente studio condotto da alcuni ricercatori britannici dell’Università del Surrey, che ha dimostrato come questi siano sintomi tipici del jet-lag. Cenoni, brindisi, feste fino a tarda notte seguite da grandi dormite mandano in tilt il nostro orologio biologico non appena conclusa la vacanza: è un po’ come se attraversassimo due fusi orari, ed è per questo che si parla, quindi, di “social jet lag”.

Disagi comunque che passano dopo pochissimo tempo. Per aiutare a recuperare il più velocemente possibile la situazione, ci vengono offerti sette consigli: innanzitutto, bisogna tenere a mente che questi sintomi sono naturali e accettarli; bisogna poi darsi tempo per recuperare la forma fisica e mentale e non sovraccaricarsi di lavoro nei primi giorni al rientro delle vacanze. Sarebbe utile poi segnare idee e progetti su un diario, un PC o un registratore e concentrarsi sulle opportunità che ci capiteranno nei mesi avvenire, ed evitare di stressare colleghi e familiari sui disagi che proviamo in questo periodo. Inoltre, è utile ricominciare sin da subito il proprio ritmo di vita, quindi non svegliarsi troppo tardi, e fare attenzione alla dieta evitando grandi abbuffate e l’eccessivo consumo di caffè, fritture, insaccati e cibi troppo piccanti, tutti alimenti che irritano l’intestino.