L’imbarazzante faccenda legale in cui era incappata Jodie Foster lo scorso maggio si è chiusa ieri in un nulla di fatto. Le accuse nei confronti dell’attrice Premio Oscar non verranno portate avanti per mancanza di prove. Non si saprà mai se la Foster ha effettivamente picchiato un 17enne.

Lo scorso inizio giugno vi avevamo raccontato di come la star Jodie Foster fosse stata accusata di aver picchiato un ragazzino. A dirlo era stato il padre, secondo il quale suo figlio, fan della Foster, l’avrebbe seguita al parcheggio di un cinema per fotografarla. Ma lei avrebbe reagito male, spintonandolo.

La versione dell’attrice de “Il silenzio degli innocenti” era stata inevitabilmente diversa. La sua portavoce aveva infatti dichiarato che il ragazzino, rimasto anonimo proprio perché minorenne, era in realtà un paparazzo con una macchina fotografica professionale.

Il dipartimento di polizia di Los Angeles ha cercato per tre mesi di parlare con la signora Foster, ma lei si è sempre rifiutata. La cosa appare vagamente sospetta, insieme al fatto che sembrava fossero spariti i video della sorveglianza e che le presunte foto “paparazzate” non si sono mai viste.

Perciò la denuncia è passata al procuratore legale della città, che ha deciso di non andare oltre, facendo cadere le accuse all’attrice per mancanza di prove.

Jodie Foster manesca: verità o bufala?