Il film “The Hole in 3D” di Joe Dante, aprirà la Dodicesima edizione del Future Film Festival di Bologna, manifestazione che si occupa principalmente di animazione e delle nuove tecnologie che possono essere applicate all’immagine.

La pellicola, come lo stesso autore la definisce, è un horror formato famiglia, esattamente come uno dei suoi successi più clamorosi al botteghino, “The Gremlins”.

La storia, segue le vicende di due fratelli, che appena trasferitisi in una nuova città insieme alla loro vicina di casa, scopriranno una voragine all’interno della loro abitazione. Dopo la scoperta, i ragazzi capiranno a loro spese che la voragine in questione conteneva al suo interno delle potenti forze maligne. A quel punto ognuno dei ragazzi sarà costretto ad affrontare le loro peggiori paure.

Il cinema di Joe Dante, uno dei maestri dell’horror contemporaneo, non ha mai amato le violenze gratuite e fini a se stesse stile “The Saw”, tanto per intenderci. “The Hole in 3D”, esattamente come le sue produzioni passate, non crediamo possa avere problemi con i vari divieti per i minori, e intere famiglie potranno godersi lo spettacolo in 3D.

Il film sarà proiettato stasera alle 21.30, al Teatro Duse, per poi essere riproposto sabato 30 gennaio alle 20.00, sempre presso il Teatro Duse, nelll’ambito del 3dDAY. Fra gli appuntamenti di rilievo, presenti nel Future Festival, ci sarà un focus speciale dedicato alla Motion Graphics.