Il jogging è il sovrano delle attività sportive. Fa bene, come tutti gli altri sport, e correndo si migliora la qualità della vita e ci si assicura – imprevisti di percorso a parte – longevità. Inoltre, correre fa bene alla mente, crea nuove idee e pensieri positivi. Mettersi una tuta e andare nel parco vicino casa per praticare del sano jogging è un modo per tenere lontani i problemi, lo stress e le malattie.

I benefici dello sport sono innumerevoli, ma elencare gli effetti positivi del correre non guasterà: fa perdere peso e riduce il grasso nel sangue, stimola il metabolismo e aumenta il tono muscolare, aiuta la circolazione e lo sviluppo del colesterolo buono, mette di buonumore con le endorfine secrete, riduce il rischio di trombosi e accresce l’autostima.

Sembrerebbe talmente vantaggioso da mollare all’istante tutto per iniziare a correre regolarmente. Ma è importante ricordare che non bisogna esagerare ed è necessario andare per gradi, se si vuole intraprendere questa routine.

Il consiglio è di iniziare correndo per circa 10-15 minuti. Poi aumentare l’intensità e la durata del tempo dedicato allo jogging, fino a raggiungere sessioni di 30-45 minuti al giorno. Importante è inoltre camminare velocemente nella fase pre-corsa per riscaldare i muscoli e non stressarli, evitando di causare infortuni. Al termine, invece, è opportuno eseguire degli esercizi di stretching, per allungare e defaticare i muscoli.

Non esiste una posizione standard né uno stile, ma è necessario memorizzare alcune semplici regole prima di avvicinarsi allo jogging. Rilassare i muscoli del collo e tenere la testa in una posizione fissa, senza chinarla troppo in avanti né troppo indietro, cercando comunque di non tendere i muscoli. Le spalle non devono essere contratte e il busto inclinato in avanti. Non bisogna alzare troppo le ginocchia, né correre sulla punta dei piedi, ma mantenere invece il piede ben aderente al suolo. Il passo non va allungato e bisogna cercare di sincronizzare il movimento delle gambe con quello delle braccia, indipendentemente da come queste siano tenute.

La frequenza cardiaca durante la corsa va sempre tenuta sotto controllo, soprattutto se si soffre di patologie che non possono sopportare alti ritmi cardiaci. Inoltre, lo jogging va sempre abbinato a una sana e corretta alimentazione.

Anche l’abbigliamento è importante quando si parla di correre. È opportuno preferire un vestiario a strati in inverno e una t-shirt abbinata a dei pantaloncini nei mesi più caldi, tenendo sempre presente che il tessuto indossato deve consentire alla pelle di respirare.

Il dove e quando correre sono meno importanti, ma è consigliato fare jogging lontano dai pasti e con una certa regolarità – almeno 2 o 3 volte a settimana – e preferire parchi e terreni sterrati, con le adeguate scarpe. Infatti, fondamentale nella corsa è il tipo di scarpa: inutile dire che bisogna mettere da parte i tacchi, preferendo calzature robuste e comode, con la suola antiscivolo. In ogni caso il parere di un commesso esperto sarà utilissimo.