Quando si pensa alla figura di Joss Whedon come autore televisivo non si può non attribuirgli un ruolo di primaria importanza nella riqualificazione artistica del piccolo schermo; come il visionario David Lynch in “Twin Peaks”, l’ideatore di “Buffy The Vampire Slayer” ha saputo avvicinarsi al piccolo schermo con un tocco del tutto personale e attraverso la continua rivisitazione di genere a cui sottopone ogni telefilm.

Martedì 18 maggio il pubblico statunitense di “Glee” potrà assistere all’ultima opera di Whedon: “Dream On“. Inoltre nella puntata sarà presente una guest star d’eccezione, Neil Patrick Harris, star di “How i met your mother” e protagonista della serie web diretta da Whedon, “Doctor Horrible’s Sing-Along Blog”, che vestirà i panni di Bryan Ryan, rivale di Will ai tempi del liceo.

Grazie a questa speciale partecipazione si prevede un ulteriore incremento di ascolti: la seconda parte della prima stagione, trasmessa dallo scorso aprile su Fox, sta battendo ogni settimana le ultime puntate di “Lost”, totalizzando in media 13 milioni di telespettatori ad episodio. Riguardo a martedì prossimo, il produttore Brad Falchuk si è dichiarato entusiasta del lavoro svolto dal regista di “Once more with feeling”:

È un episodio eccellente che Joss Whedon ha diretto concentrandosi sul personaggio di Artie e sul viaggio emotivo che deve attraversare stando su una sedia a rotelle, le difficolta emotive, il dolore e i trionfi della sua esperienza. Penso che sia un episodio molto bello. E’ molto divertente. Inoltre, verrà esplorata un po’ di più la sua relazione con Jenna (l’interprete di Tina).

Attualmente Whedon è in trattative con la Paramount per dirigere “The Avengers”, atteso blockbuster incentrato sull’omonimo comic book dedicato ai vendicatori. Non è la prima volta che l’artista ha a che fare con l’universo dei supereroi marvel, nel 2004, infatti, ha sceneggiato la serie a fumetti “Astonishing X-Men”.