Il principe William e il principe Harry ammettono di non aver mai parlato della madre e di non aver condiviso il dolore per la morte di Lady Diana, mentre Kate Middleton affronta la realtà del forte impatto che la maternità ha sulla vita di una donna: non si tratta di conversazioni private “rubate”, ma di un video che vede i reali protagonisti di un dialogo sulla salute mentale.

Nel video, i tre parlano di questi argomenti intimi proprio prima della Virgin Money London Marathon Charity 2017, che si terrà il prossimo 23 aprile, e che lancerà la loro campagna Heads Together.  Il duca e la duchessa di Cambridge con il principe Harry hanno dato vita, infatti, alla campagna Heads Together per porre fine alla stigmatizzazione dei problemi di salute mentale. Heads Together mira a influenzare persone e media e a cambiare il loro modo di parlare della salute mentale e del benessere, in partnership con associazione che hanno decenni di esperienza nel sensibilizzare sull’argomento e nel fornire un aiuto vitale alle persone con problemi di salute mentale.

Attraverso il nostro lavoro con i giovani e con i veterani, abbiamo visto più volte che i problemi di salute mentale irrisolti si trovano al centro di alcune delle nostre più grandi sfide sociali. Troppo spesso, la gente ha paura di ammettere che sta lottando con la propria salute mentale. Questa paura del pregiudizio e del giudizio impedisce alle persone di chiedere aiuto e può distruggere le famiglie e mettere fine a molte vite. Heads Together vuole aiutare le persone a sentirsi più a proprio agio con il benessere quotidiano e avere gli strumenti pratici per sostenere amici e familiari”, spiegano William, Harry e Kate.

Proprio quindi in un ambito di apertura verso l’esterno e di messa a nudo dei propri sentimenti si inseriscono queste confessioni intime nel nuovo video della conversazione tra i tre, girato nel pomeriggio del 19 aprile. Harry rivela che con il fratello hanno evitato l’argomento della morte di Lady D, probabilmente perché troppo doloroso: “Non abbiamo mai parlato veramente di cosa vuol dire perdere una mamma da piccoli”, ha detto.

La duchessa ha colto l’occasione per rendere omaggio alle abilità genitoriali di Diana, dicendo che è stato anche merito della sua educazione se i due fratelli hanno comunque saputo affrontare quello che gli è capitato: “Considerando quello che hanno passato, il trauma che hanno vissuto… Credo che sia incredibile quanto siate stati forti – quanto lo siate – e come abbiate affrontato tutto”.

Kate Middleton si è anche aperta sulle difficoltà di adattarsi alla maternità, spiegando di aver vissuto il primo figlio come “un momento di cambiamento della vita”. “Niente può davvero prepararti a questo. Ricordo i primi giorni con il piccolo George, sapete, non hai idea di quello che stai facendo. Non importa quanti libri tu abbia letto, niente ti può preparare alla maternità”, ha detto.

In risposta al video, Paul Farmer, direttore generale di Mind, il più grande ente di beneficenza dedicato alle malattie mentali in Inghilterra, ha commentato: “Questo è un momento fondamentale per chi si occupa di salute mentale. Avere il duca di Cambridge e il principe Harry, insieme alla duchessa di Cambridge, che parlano apertamente di come la perdita della madre abbia colpito la loro salute mentale dimostra quanto siamo arrivati a cambiare l’atteggiamento pubblico e la percezioni della salute mentale, così tanto che qualcuno dal così alto profilo possa aprirsi e dire qualcosa di difficile e personale. Sappiamo che avrà un enorme impatto sulle persone che stanno ancora lottando in silenzio con la loro salute mentale, e ogni volta che qualcuno parla in pubblico, incoraggia chi guarda a fare lo stesso”.

Sul sito di Heads Together, del resto, si trovano numerose conversazioni sull’argomento, non solo tra i reali, ma anche tra il principe William e Lady Gaga (via Skype) o tra l’attore Stephen Fry e il suo psichiatra Bill.