Kate Middleton sarebbe devastata a causa della decisione della corte francese di posticipare il giudizio sul caso delle sue foto in topless diffuse online. La Duchessa di Cambridge sarebbe rimasta “completamente traumatizzata” dal leak delle foto, secondo quanto riportano numerosi media.

Il tribunale di Nanterre avrebbe deciso di posticipare la sentenza dal 4 luglio 2017, data inizialmente prevista, a settembre: questo vuol dire che Kate Middleton e il Principe William dovranno aspettare altri due mesi, tutta l’estate, prima di raggiungere il verdetto in cui si stabilirà se la rivista francese Closer che ha diffuso le foto dovrà pagare una salatissima multa di 1,5 milioni di euro.

In particolare modo, la Duchessa vorrebbe che l’incubo di quelle foto scattate di nascosto mentre si trovava in vacanza in Francia all’interno di una villa privata finisse, ma adesso dovrà attendere fino alla fine dell’estate affinché il caso si chiuda. Kate, infatti, vorrebbe concentrarsi sulla sua famiglia e scordarsi “dell’umiliazione che ha subito in questi anni a causa delle foto scandalose”. Secondo il Daily Mail, la mamma del Principe George e della Principessa Charlotte sarebbe veramente contrariata dalla decisione di posticipare la sentenza.

Il Principe William aveva chiesto di sanzionare la rivista Closer con una multa “significativa” del valore di 1,5 milioni di euro a inizio maggio. Nella dichiarazione letta in tribunale dall’avvocato della famiglia reale Jean Veil, e scritta dal Principe William in persona, si leggeva: “nel settembre 2012, mia moglie e io pensavamo di poter andare in Francia per alcuni giorni in una villa che appartiene a un membro della mia famiglia e quindi godere della nostra privacy. Conosciamo la Francia e sappiamo che i francesi, in linea di massima, sono rispettosi della vita privata, inclusa quella dei loro ospiti. Il modo clandestino in cui queste foto sono state scattate è stato particolarmente scioccante per noi in quanto ha violato la nostra privacy”.

La difesa, tuttavia, sostiene il proprio diritto a pubblicare le immagini in quanto sono i reali i primi a permettere l’accesso della stampa e fotografi nella loro vita. Secondo il legale di Closer, i reali hanno esteso l’invito ai media per entrare nelle loro vite. In base a quanto riportato dalla BBC, l’avvocato ha notato che il Principe William e Kate Middleton non sono estranei all’attenzione mediatica e che hanno promosso il loro matrimonio nel 2011 trasmettendolo su tutte le emittenti internazionali. Per questo motivo, le foto “non costituirebbero una violazione della privacy” anzi, “li avrebbero messi in una luce positiva”.